Fisco

ZFU Carbonia-Iglesias: ecco il codice tributo per le agevolazioni fiscali

ZFU Carbonia-Iglesias: ecco il codice tributo per le agevolazioni fiscali
L’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per l’utilizzo, tramite modello F24, delle agevolazioni a favore delle micro e piccole imprese localizzate nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, nell’ambito dei programmi e degli interventi compresi nel Piano Sulcis

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 51/E del 13 maggio 2014, comunica l’istituzione del codice tributo per l’utilizzo, tramite modello F24, delle agevolazioni a favore delle micro e piccole imprese localizzate nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, nell’ambito dei programmi e degli interventi compresi nel Piano Sulcis.

In particolare, l’articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 prevede, al comma 340, l’istituzione nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico di un apposito fondo “per favorire lo sviluppo economico e sociale, anche tramite interventi di recupero urbano, di aree e quartieri degradati nelle città del Mezzogiorno, identificati quali zone franche urbane, (…)” e, ai commi da 341 a 341-ter, le agevolazioni a favore delle piccole e micro imprese situate nelle zone franche urbane individuate secondo le modalità di cui al successivo comma 342.
L’articolo 37 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, nel disciplinare il “Finanziamento delle agevolazioni in favore delle imprese delle Zone Urbane ricadenti nell’Obiettivo Convergenza”, al comma 4-bis, dispone che “Le misure di cui al presente articolo si applicano altresì sperimentalmente ai comuni della provincia di Carbonia – Iglesias, nell’ambito dei programmi di sviluppo e degli interventi compresi nell’accordo di programma “Piano Sulcis” (…)”.

Con decreto del Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 10 aprile 2013, e successive modificazioni, sono state disciplinate all’articolo 7, le agevolazioni concesse, in via sperimentale, ai soggetti di cui all’articolo 3 del medesimo decreto, localizzati nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, nell’ambito dei programmi di sviluppo e degli interventi compresi nell’accordo di programma “Piano Sulcis”.

Il successivo articolo 15 dispone che le agevolazioni di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 341 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni e integrazioni, sono fruite, nei limiti dell’importo concesso dal Ministero dello sviluppo economico, in occasione dei versamenti da effettuarsi ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, presentando il modello F24 esclusivamente attraverso i servizi telematici Entratel e Fisconline messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, pena lo scarto dell’operazione di versamento, secondo modalità e termini definiti con provvedimento del Direttore della stessa Agenzia.

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 6 maggio 2014 sono state definite le modalità e i termini di fruizione delle predette agevolazioni.

Per consentire l’utilizzo dei benefici in parola, a favore delle micro e piccole imprese localizzate nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, da effettuarsi in riduzione dei versamenti ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, tramite modello F24 presentato esclusivamente attraverso i canali Entratel e Fisconline messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, è istituito il seguente codice tributo:

  • Z100” denominato “Agevolazioni da utilizzare in riduzione dei versamenti a favore delle micro e piccole imprese localizzate nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia-Iglesias, nell’ambito dei programmi di sviluppo e degli interventi compresi nell’accordo di programma Piano Sulcis – art. 37, c. 4-bis, del d.l. n. 179/2012”.

In sede di compilazione del modello di pagamento F24, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”. Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno d’imposta di fruizione dell’agevolazione, nel formato “AAAA”.

Agenzia delle Entrate – Risoluzione N. 51/E/2014

Potrebbe anche interessarti: Gli incentivi fiscali alle Zone Franche Urbane (ZFU)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *