Fisco

Via libera definitivo ai modelli UNICO ed al Consolidato

Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Via libera definitivo ai modelli UNICO ed al Co..." Adesso
Via libera definitivo ai modelli Unico per dichiarare i redditi del 2012 da parte delle persone fisiche, delle società di persone e di capitali e degli enti non commerciali
Via libera definitivo ai modelli Unico per dichiarare i redditi del 2012 da parte delle persone fisiche, delle società di persone e di capitali e degli enti non commerciali

Via libera definitivo ai modelli Unico per dichiarare i [highlights color=”red”]redditi del 2012[/highlights] da parte delle persone fisiche, delle società di persone e di capitali e degli enti non commerciali, oltre che per dichiarare l’Irap dovuta e il reddito consolidato nazionale e mondiale. Rispetto alle bozze, i modelli definitivi sono stati corretti, per recepire le ultime novità introdotte dalla legge di stabilità e le indicazioni degli operatori.

Ivie e Ivafe
Sono state modificate le due sezioni relative all’Ivie (imposta sul valore degli immobili detenuti all’estero) e all’Ivafe (imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero), in quanto sono state recepite le novità introdotte dalla [highlights color=”yellow”]legge di stabilità 2013[/highlights]. In particolare, considerando che le due imposte sono applicabili dal 2012 e non più dal 2011, [highlights color=”red”]quanto già versato nel 2012 viene ora considerato un acconto di quanto dovuto per il 2012[/highlights]. Per questo motivo, per entrambe le imposte, sono state introdotte le caselle “acconto versato” e “imposta a credito”. Per l’Ivie, poi, è stata inserita la casella “[highlights color=”red”]abitazione principale[/highlights]”, che consente l’applicazione dell’aliquota dello [highlights color=”red”]0,4[/highlights] al posto dello [highlights color=”red”]0,76%[/highlights], mentre per l’Ivafe è stato inserita la casella “[highlights color=”red”]conti correnti e libretti[/highlights]”.

Studi di settore
Da quest’anno, in tutti i modelli Irpef e Ires è stata aggiunta una nuova casella nel frontespizio per consentire ai contribuenti di richiedere che la comunicazione delle anomalie riscontrate automaticamente dalle Entrate nei dati dichiarati per gli studi di settore, venga inviata all’intermediario incaricato della trasmissione telematica.

Società di comodo
Nel quadro relativo alle società di comodo del modello Unico SC 2013 è stata introdotta la casella “[highlights color=”red”]start-up[/highlights]”, che va barrata dalle società “[highlights color=”red”]start-up innovative[/highlights]”, al fine della disapplicazione delle discipline sulle società di comodo e sui soggetti in perdita sistematica.

Imu e terreni non affittati
Dal 2012, l’Imu sostituisce l’Irpef e le relative addizionali sul reddito dominicale dei terreni non affittati, quindi, rispetto alle bozze, il modello definitivo per le persone fisiche prevede ora la possibilità di indicare nel quadro H la quota di reddito fondiario non imponibile (reddito dominicale dei terreni e/o reddito dei fabbricati) della società semplice partecipata (nuova colonna 13 dei righi da RH1 a RH4). A seguito dell’esenzione da Irpef dei redditi fondiari di terreni non affittati, soggetti ad Imu, poi, è stato modificato anche il quadro RA del modello Unico SP 2013, dove ora trovano spazio le caselle relative al “reddito non imponibile” e all’esenzione Imu. Si ricorda, infatti, che l’Irpef e le relative addizionali devono essere pagate, anche in caso di mancata locazione, se l’Imu non è dovuta, perché si tratta di terreni esenti dall’imposta municipale. La casella “esenzione Imu”, ora, è stata inserita anche nel quadro relativo ai fabbricati di Unico SP 2013.

Coltivatore diretto
Nel modello Unico PF 2013, è stata introdotta la colonna 13 nel quadro relativo ai terreni (RA), che va barrata per i terreni agricoli o non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali (Iap), iscritti alla previdenza agricola. Per il calcolo dell’acconto Irpef 2013, infatti, i redditi dominicale e agrario devono essere ulteriormente rivalutati del 15%, ma per i terreni agricoli, nonché per quelli non coltivati, posseduti e condotti dai suddetti soggetti, l’ulteriore rivalutazione, sempre ai fini dell’acconto 2013, può essere del 5% e non del 15 per cento.

Immobili storici
Rispetto alle bozze, è stato modificato il rigo RS27 del modello Unico PF 2013, cioè quello dedicato al ricalcolo degli acconti relativi al periodo d’imposta 2012, utilizzando il metodo storico, ma tenendo conto delle novità in vigore dal 2012. In particolare, è stata aggiunta una casella, denominata “Immobili storici”, che va barrata se nella rideterminazione ha concorso, oltre ad un altro motivo, anche il reddito di un immobile d’interesse storico.

[headline style=”6″ color=”red” tag=”h1″]SCARICA I MODULI[/headline]

[animated_button align=”none” animation=”swing” color=”blue” size=”small” text=”Unico Persone Fisiche – Fascicolo 1″ url=”https://www.lavorofisco.it/docs/mod-unico-pf-2012-fascicolo-1.pdf”] [animated_button align=”none” animation=”shake” color=”green” size=”small” text=”Unico Persone Fisiche – Fascicolo 2″ url=”https://www.lavorofisco.it/docs/mod-unico-pf-2012-fascicolo-2.pdf”] [animated_button align=”none” animation=”pulse” color=”orange” size=”small” text=”Unico Persone Fisiche – Fascicolo 3″ url=”https://www.lavorofisco.it/docs/mod-unico-pf-2012-fascicolo-3.pdf”] [animated_button align=”none” animation=”bounce” color=”pink” size=”small” text=”Unico Mini Persone Fisiche 2012″ url=”https://www.lavorofisco.it/docs/mod-unico-mini-pf-2012.pdf”]
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Via libera definitivo ai modelli UNICO ed al Co..." Adesso
Print Friendly, PDF & Email
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close