Lavoro

Vecchiaia, invalidità, assegni sociali: la mappa delle pensioni in Italia

A partire dal 1° gennaio prossimo scattano i nuovi requisiti per il pensionamento dei lavoratori:

  • si alza l’età in cui smetteremo di lavorare;
  • cambiano le soglie minime per chi vuole anticipare il pensionamento.

Si lavorerà un mese in più per ottenere la pensione “anticipata”.

Per le donne aumentano i requisiti di età per accedere alla pensione di vecchiaia.

Le lavoratrici autonome dovranno attendere il compimento dei 64 anni e 9 mesi; le dipendenti potranno andare in pensione con un anno di anticipo, a partire da 63 anni e nove mesi.

In generale, per accedere alla pensione di vecchiaia nel 2014 i lavoratori dipendenti e le donne del pubblico impiego dovranno aver compiuto i 66 anni e 3 mesi d’età.

Inoltre, occorrono almeno 20 anni di contributi, che si riducono a 15 anni se maturati già prima del 1993.

Vediamo però in che modo vengono erogate le pensioni in Italia, suddivise per categorie e aree geografiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *