Fisco

Tobin tax, strada in salita sulle regole comuni

Tobin tax, strada in salita sulle regole comuni
La strada verso la nascita di una tassa sulle transazioni finanziarie in Europa appare sempre più tortuosa e complicata

La strada verso la nascita di una tassa sulle transazioni finanziarie in Europa appare sempre più tortuosa e complicata. Negli ultimi giorni, la Gran Bretagna ha deciso di fare ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea, appoggiata dal Lussemburgo. Nel frattempo, una riunione tecnica tra gli 11 Paesi che hanno deciso di perseguire una cooperazione rafforzata per adottare una Tobin tax ha messo in luce molti dubbi e incertezze.

Annunciando il ricorso in giudizio, il cancelliere allo Scacchiere George Osborne ha spiegato che la Gran Bretagna è preoccupata dagli “effetti di extraterritorialità” della proposta della Commissione. Successivamente, il ministro delle Finanze lussemburghese Luc Frieden ha spiegato di avere “molta comprensione” per la posizione inglese. “Certamente – ha aggiunto – porteremo il nostro sostegno alla procedura dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione“.

Gran Bretagna e Lussemburgo sono due dei 16 Paesi dell’Unione che hanno rifiutato l’idea di introdurre una Tobin tax in Europa. Undici Stati membri – Germania, Francia, Spagna, Italia, Austria, Belgio, Grecia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia ed Estonia – hanno quindi deciso di perseguire la strada di una cooperazione rafforzata. Stanno negoziando un compromesso sulla base di una proposta presentata dalla Commissione in febbraio.

Il problema è che neppure tra questi 11 Paesi c’è consenso sui modi in cui questa nuova imposta dovrebbe essere adottata. In una riunione nei giorni scorsi sono emerse non poche incertezze. “L’imposta creerà un costo addizionale che non è sostenibile per i partecipanti al mercato“, si legge in un documento inviato alla Commissione.

Alcuni Paesi hanno previsto la prossima “scomparsa” di questo particolare mercato, tanto da mettere in crisi “la gestione del rischio” di molte banche. “La scomparsa di questo mercato – si legge nel documento – penalizzerà il mercato delle obbligazioni sovrane e di conseguenza provocherà un aumento dei costi di finanziamento dei governi“. Dello stesso avviso si è detto il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, in un discorso a Dresda.

Alcuni governi si chiedono se i nuovi costi provocati dalla tassa saranno compensati dal gettito previsto (30 miliardi di euro) e hanno posto quindi il problema dell’aliquota dello 0,1% sulle obbligazioni sovrane che potrebbe pesare sui titoli a breve. Vincenzo Scarpetta, analista del centro-studi Open Europe, è convinto che questo documento mostri come la proposta di Tobin tax “potrebbe provocare un aumento dei costi per i governi e per il settore privato, nel momento meno opportuno per l’Italia“. Roma ha già spiegato che sulla tassazione dei titoli sovrani metterà il veto.

La Commissione ha voluto gettare acqua sul fuoco, ridimensionando la portata del documento circolato a Bruxelles. “E’ totalmente normale che i Paesi vogliano verificare tutti i dettagli di un testo legislativo così importante“, ha detto ieri la portavoce Emer Traynor. “E’ perfettamente legittimo che (…) chiedano chiarimenti su alcuni punti (…) Risponderemo nel dettaglio in un incontro tecnico previsto il 22 maggio, e ci aspettiamo di fugare molte delle loro preoccupazioni“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *