Diritto

Sugli omessi versamenti Iva raddoppio pericoloso

Sugli omessi versamenti Iva raddoppio pericoloso
La sanzione per gli omessi versamenti Iva rischia di raddoppiare

La sanzione per gli omessi versamenti Iva rischia di raddoppiare. Con due sentenze depositate due giorni fa (le pronunce n. 37424/13 e 37425/13 – si legga a proposito questo articolo), le Sezioni unite penali della Corte di Cassazione pervengono a conclusioni foriere di scenari preoccupanti.

Ciò va detto – a ragion del vero – non tanto con riguardo alla questione, che ha determinato la rimessione alle Sezioni unite, concernente l’applicazione retroattiva del reato di omesso versamento dell’Iva dovuta in base a dichiarazione annuale e delle ritenute certificate: si tratta, difatti, di questione comunque circoscritta e oramai in esaurimento.

Piuttosto, un effetto potenzialmente dirompente delle due sentenze va riconosciuto all’altra conclusione relativa alla possibilità di applicare congiuntamente agli illeciti di omesso versamento di Iva e ritenute sia la sanzione penale che quella amministrativa. In questo caso, infatti, dobbiamo parlare di una regola a regime, destinata come tale a trovare ampia applicazione.

Ebbene, per la Corte, tra i due illeciti di omesso versamento di Iva e ritenute (quello amministrativo e quello penale), stanti le significative differenze sui rispettivi elementi costituivi, intercorre un rapporto che non è di specialità, bensì di progressione.
Ciò porta quindi a escludere la possibilità di invocare la norma che rende applicabile la sola disposizione speciale e, conseguentemente, ad ammettere la possibilità di applicazione congiunta delle due sanzioni. Ed è questa la prospettiva inquietante, anche perché la Corte ha cura di ribadire che la crisi di liquidità non può, di per sé, essere invocata per escludere la colpevolezza.

Potrebbe anche interessarti: Omessi versamenti, sanzione doppia

Corte di Cassazione – Sentenza N. 37424/2013 Corte di Cassazione – Sentenza N. 37425/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *