Fisco

Studi di settore: approvati i correttivi anticrisi 2014

Studi di settore: approvati i correttivi anticrisi 2014
La Commissione degli esperti ha espresso parere favorevole in merito agli interventi sugli studi di settore del 2014 che tengono in considerazione la particolare congiuntura economica dello scorso anno

Ok ai correttivi anticrisi per 204 studi di settore del 2014. Con un comunicato stampa del 9 aprile 2015 l’Agenzia delle Entrate rende noto che la Commissione degli esperti ha espresso parere favorevole in merito agli interventi che tengono in considerazione la particolare congiuntura economica dello scorso anno.
In particolare, l’organismo collegiale ha analizzato le informazioni pervenute dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Banca d’Italia, dall’Istat, dalle Associazioni di categoria, dagli Osservatori regionali e da altri istituti di ricerca. In base a questi dati, sono stati individuati i correttivi anticrisi, utilizzando anche una nuova metodologia di stima.

Quattro correttivi per la crisi
I correttivi determinati per adattare gli studi di settore alla situazione di crisi economica del 2014 sono riconducibili a quattro categorie:

  • correttivi congiunturali di settore;
  • correttivi congiunturali territoriali;
  • correttivi congiunturali individuali;
  • interventi relativi all’analisi di normalità economica.

Il correttivo congiunturale individuale è stato elaborato analizzando la variazione dell’efficienza produttiva delle imprese nel quadriennio 2011-2014.

L’andamento dei settori
L’attività di monitoraggio dell’andamento dei settori economici effettuata sul territorio nazionale ha esaminato, oltre alle informazioni fornite dalle associazioni di categoria, anche i dati relativi alle comunicazioni e dichiarazioni annuali Iva 2014. Le elaborazioni sono state effettuate su un panel di circa 2,1 milioni di contribuenti che hanno applicato gli studi di settore nel quadriennio 2010-2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *