Italia

Stangata sulle sigarette. Venti centesimi in più

Stangata sulle sigarette. Venti centesimi in più
La stangata era annunciata, ma ieri, per molti italiani, scoprire che un pacchetto di sigarette costava oltre cinque euro è stato un piccolo choc

La stangata era annunciata, ma ieri, per molti italiani, scoprire che un pacchetto di sigarette costava oltre cinque euro è stato un piccolo choc. Per i fumatori sono tempi durissimi: mentre il Governo prepara un giro di vite con nuovi divieti, è scattato l’aumento delle accise sui tabacchi. La conseguenza è un rincaro immediato del prezzo delle bionde: si va da 10 a 20 centesimi, a seconda del produttore.

Un pacchetto di Marlboro Gold, ad esempio, passerà a 5 euro e 20 centesimi. Allo stesso livello le Lucky Strike rosse. Secondo le tabelle pubblicate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli balzano sopra 5 euro pure le Merit, le Philip Morris blu multifilter, le Muratti Ambassador (anche Super Slim) e le Rothmans. Sale inoltre il costo del trinciato, che negli anni scorsi ha conosciuto un piccolo boom proprio perché considerato «low cost».

Dall’attuazione del decreto legislativo della delega fiscale l’esecutivo si attende circa 200 milioni di euro di gettito in più. A spingere il Governo ad intervenire sono stati anche i (deludenti) dati sul 2013: per la prima volta l’ammontare dei tabacchi è diminuito, e di ben il 5 per cento, provocando un ammanco di quasi 550 milioni. La stagione degli aumenti, inaugurata a Capodanno dai pedaggi autostradali e proseguite con le multe, più care dello 0,8%, non è finita. In arrivo ci sono rincari per il bollo auto e per i contributi previdenziali della gestione separata Inps, che dal 27,72% passa al 30,72%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *