Italia

Spending review, tutti i tagli del piano Cottarelli

Spending review, tutti i tagli del piano Cottarelli
Il Piano Cottarelli prevede un elenco lunghissimo di tagli alla spesa pubblica, ben 33 voci

Tagli, tagli, tagli: alle forze dell’ordine, ai costi della politica, alle auto blu, agli incentivi alle imprese, alle partecipate, alla difesa, alle prefetture, alle capitanerie di porto, alle consulenze, all’illuminazione pubblica, agli immobili, alle pensioni di guerra e di reversibilità. È un elenco lunghissimo, di 33 voci, quello con cui il Commissario per la spending review, Carlo Cottarelli, si è presentato venerdì scorso a Palazzo Chigi per sottoporre al Governo il suo piano.

Il dossier di Cottarelli si muove su 5 capitoli di spesa, analizzati punto per punto. In molti casi il commissario è ripartito dal lavoro già intrapreso dai suoi predecessori, Pietro Giarda e Enrico Bondi. Per esempio nella voce che riguarda i consumi energetici e l’illuminazione delle aree pubbliche, con l’operazione che Bondi aveva soprannominato “Cieli bui” e da cui nel 2012 si puntavano a recuperare 500 milioni di euro a regime.

Il primo capitolo dell’ex capo degli Affari fiscali del Fmi riguarda oggi l’efficientamento diretto della Pubblica Amministrazione, da cui ottenere, anche grazie al lavoro della Consip, 2,2 miliardi quest’anno (dei 7 teorici complessivi nei 12 mesi), 5,2 miliardi nel 2015, fino ai 12,1 del 2016.

Per il 2014, sono previsti 800 milioni da beni e servizi, 200 milioni dalla pubblicazione telematica degli appalti pubblici, 100 milioni dalla riduzione delle consulenze e delle auto blu, 500 milioni dal taglio dei dirigenti della Pubblica Amministrazione, 100 milioni dai corsi di formazione, 100 milioni dall’illuminazione pubblica, 400 milioni da altre proposte di gruppi ministeriali.

Il secondo capitolo riguarda invece le “riorganizzazioni”: delle province (100 milioni quest’anno) e delle spese degli enti pubblici (altri 100 milioni). Dello stesso ramo fanno parte anche le sinergie tra i corpi di polizia, la digitalizzazione, le prefetture, i vigili del fuoco, le comunità montane, che però cominceranno a dare i loro frutti nel 2015. Dal ridimensionamento dei costi della politica (Comuni, Regioni e finanziamento ai partiti, oltre a organi costituzionali), Cottarelli punta ad ottenere 400 milioni quest’anno.

Dalla riduzione dei trasferimenti inefficienti, quarto capitolo, potrebbero invece arrivare 2 miliardi (1,4 miliardi dalla riorganizzazione dei trasferimenti statali e regionali alle imprese, 300 milioni dai trasferimenti alle ferrovie, 100 milioni dalle partecipate locali del trasporto pubblico, 200 milioni dai microstanziamenti vari).

Ci sono infine 2,2 miliardi di spese settoriali, quelle in cui il commissario ha inserito anche le pensioni, oggetto di tensione con Renzi. Nelle slide di Cottarelli il contributo temporaneo dagli assegni pensionistici vale 1,4 miliardi quest’anno, 1 miliardo nel 2015 e 500 milioni nel 2016. Soldi da cui il Governo non intende però fare uso.

Sul capitolo Difesa, la riduzione degli F35 è al primo posto, ma il risparmio si vuole ottenere anche con la chiusura di 385 caserme e con la creazione di una task force per gestirne la vendita. Questi sono i due principali impegni presi dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti, nel prospettare una piano di spending review per il comparto.

Tra le ipotesi ci sarebbe anche la dismissione e la vendita della portaerei Garibaldi che ha da poco superato i 30 anni ed è stata affiancata dalla più nuova e moderna Cavour.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *