Italia

Sospensione del diritto annuale per le imprese colpite dal sisma

Sospensione del diritto annuale per le imprese colpite dal sisma
Le azioni decise dall’unità di coordinamento delle camere di commercio

Sospensione del diritto annuale per le imprese danneggiate. Sistema telematico, già utilizzato con le imprese colpite dall’alluvione ligure, che consentirà la comunicazione, da parte degli imprenditori, dei danni subiti. Sempre attivo lo Sportello unico telematico per le attività produttive. Una corsia «preferenziale» per gli imprenditori che abbiano necessità di dialogare con la propria camera di commercio. Un Fondo di solidarietà presso Unioncamere, alimentato dai contributi di tutte le camere di commercio. Queste le azioni dirette ad agevolare un rapido riavvio delle attività economiche decise dall’Unità di coordinamento delle camere di commercio per il sostegno alle imprese colpite dal sisma, alla quale partecipano i presidenti ed i segretari generali delle camere delle sei province interessate (Ascoli Piceno, Fermo, L’Aquila, Perugia, Rieti e Teramo), oltre al presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, e al segretario generale, Giuseppe Tripoli, e InfoCamere. Sono poco più di 3.700 imprese, 670 delle quali con sede ad Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto, e oltre 5 mila addetti totali, le attività produttive, soprattutto di piccola dimensione e a carattere familiare, presenti nell’area colpita dal terremoto del 24 agosto scorso. La mappa delle imprese registrate nei 16 comuni individuati dal governo nella dichiarazione di stato di emergenza, scattata dal Registro delle imprese, è stata subito messa a disposizione della Protezione civile per agevolare la quantificazione dei danni.

Intanto il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha incontrato gli assessori all’agricoltura delle regioni colpite dal terremoto Carlo Hausmann (Lazio), Anna Casini (Marche), Fernanda Cecchini (Umbria) e Dino Pepe (Abruzzo) alla presenza anche di rappresentanti del Corpo forestale dello stato, della Protezione civile, di Agea e Ismea. Durante la riunione si è stabilito l’anticipo del pagamento dei fondi di sviluppo rurale da parte di Agea per un importo di circa sette milioni di euro. Salgono così a 12 milioni di euro i contributi europei che verranno erogati entro il 15 settembre alle circa mille imprese agricole dei 16 comuni colpiti dal sisma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *