Fisco

Sisma del Centro-Italia: in Gazzetta il decreto che sospende i tributi

Sisma del Centro-Italia: in Gazzetta il decreto che sospende i tributi
Sbarca in Gazzetta Ufficiale il decreto per la sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari nei Comuni del Centro-Italia colpiti dal sisma

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 207 del 5 settembre 2016 è stato pubblicato il il decreto del Ministero dell’economia e delle Finanze del 1° settembre 2016, riguardante la sospensione dei termini tributari a favore dei contribuenti colpiti dagli eccezionali eventi sismici del giorno 24 agosto 2016 verificatisi nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria.

In particolare, è stato stabilito che a causa del grave disagio socio economico nei confronti delle persone fisiche, che alla data del 24 agosto 2016, avevano la residenza ovvero la sede operativa nel territorio dei comuni, individuati nell’elenco allegato al decreto, sono sospesi i termini dei versamenti e degli adempimenti tributari, inclusi quelli derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, scadenti nel periodo compreso tra il 24 agosto 2016 ed il 16 dicembre 2016. È bene notare però che non si procede al rimborso di quanto già versato.

La sospensione si applica anche nei confronti dei soggetti, diversi dalle persone fisiche, aventi la sede legale o la sede operativa nel territorio dei comuni individuati nell’allegato al decreto.

La ripresa dei versamenti dei tributi sospesi o differiti avviene, ovviamente, senza applicazione di sanzioni, interessi e oneri accessori relativi al periodo di sospensione.

In ogni caso il provvedimento di sospensione dal versamento degli adempimenti tributari non si applica alle ritenute che devono essere operate e versate dai sostituti d’imposta. In tale ipotesi, l’impossibilità però genera una delle cause di non punibilità previste dalla normativa sulle sanzioni previste per la violazione di norme tributarie.

Occorre evidenziare che comunque gli adempimenti e i versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il 20 dicembre 2016.

Il Ministro dell’economia e delle finanze potrà individuare, sempre con decreto, altri comuni colpiti dagli eventi sismici del 24 agosto 2016, relativamente ai quali trova applicazione questa stessa sospensione dei termini.

GU Serie Generale n. 207 del 5 Settembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *