Lavoro

Si allungano i tempi di rilascio del permesso di soggiorno e del nulla osta al lavoro

Si allungano i tempi di rilascio del permesso di soggiorno e del nulla osta al lavoro
Più lunghi i tempi di rilascio del permesso di soggiorno e del nulla osta al lavoro. I termini oggi fissati, rispettivamente, a 20 e 40 giorni passano in entrambi i casi a 60 giorni dalla data della richiesta

Più lunghi i tempi di rilascio del permesso di soggiorno e del nulla osta al lavoro. I termini oggi fissati, rispettivamente, a 20 e 40 giorni passano in entrambi i casi a 60 giorni dalla data della richiesta.
Lo stabilisce, tra l’altro, il D.Lgs n. 40/2014 pubblicato sulla G.U. n. 68 del 22 marzo e in vigore dal 6 aprile. Il provvedimento, che recepisce la direttiva europea n. 2011/98, inoltre, elimina il divieto di assunzione di personale straniero da parte delle imprese del trasporto pubblico.

Permesso unico. La direttiva n. 2011/98/Ue prevede l’adozione da parte degli stati Ue di una procedura unica di domanda per il rilascio di un permesso unico che consenta ai cittadini stranieri di soggiornare e lavorare nel territorio di uno stato membro, nonché di godere di analoghi diritti riconosciuti ai lavoratori nazionali (condizioni di lavoro, istruzione e formazione professionale, sicurezza sociale ecc.). In Italia la procedura unica è sostanzialmente già vigente, per cui il D.Lgs modifica la modulistica introducendo la dizione «permesso unico lavoro» sui permessi di soggiorno che consentono lo svolgimento di attività lavorativa, a eccezione dei permessi lungo soggiornanti, di quelli rilasciati per motivi umanitari, per status di rifugiato e di protezione sussidiaria, per studio, per lavoro stagionale, per lavoro autonomo e per talune categorie particolari per le quali è previsto l’ingresso al di fuori del meccanismo dei flussi programmati nonostante consentano, comunque, lo svolgimento di attività lavorativa.

Obbligo informativo. Il D.Lgs n. 40/2014 ancora, modificando il T.U. immigrazione (il D.Lgs n. 286/1998), introduce a favore dello straniero titolare del permesso unico il diritto a sapere sulle opportunità (cioè i diritti) conferitegli dal permesso.

I nuovi termini. Il D.Lgs n. 40/2014, inoltre, allunga i termini per il rilascio del permesso di soggiorno da parte della questura (che passa da 20 a 60 giorni) e del nulla osta al lavoro da parte dello sportello unico per l’immigrazione (che passa da 40 a 60 giorni).

Senza contratto di soggiorno il rinnovo del permesso. Il D.Lgs n. 40/2014 abroga l’obbligo della stipula del contratto di soggiorno all’atto del rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro, di fatto recependo l’indirizzo amministrativo fornito dal Ministero del Lavoro (nota prot. n. 8827/2011) che già aveva ritenuto superato quell’obbligo attraverso la compilazione degli appositi riquadri del modello Unificato-Lav di comunicazione obbligatoria di assunzione o, per lavoro domestico, nella comunicazione all’Inps.

Trasporto pubblico. Infine, il D.Lgs n. 40/2014 abroga le disposizioni che prevedevano il requisito della cittadinanza italiana per i lavoratori delle imprese dei settori autoferrotranviario e del trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano (rd n. 148/1931, leggi n. 628/1952 e n. 1054/1960).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *