Lavoro

Sgravi 2012 all’ultima chiamata

Sgravi 2012 all'ultima chiamata
Scade il 25 luglio il termine per richiedere gli sgravi contributivi legati alle retribuzioni premiali derivanti dalla contrattazione di secondo livello

Ultimi giorni per richiedere gli sgravi contributivi legati alle retribuzioni premiali derivanti dalla contrattazione di secondo livello, corrisposte nel 2012: scade infatti il 25 luglio il termine per trasmettere le istanze all’Inps, tramite il canale telematico, anche per i lavoratori iscritti all’Inpgi e per quelli ex-Inpdap ed ex-Enpals.

Peraltro, il messaggio Inps n. 10127 del 21 giugno 2013, oltre ad aver dettato le tempistiche per l’invio delle domande dai datori di lavoro interessati o degli intermediari abilitati, ha concesso anche una sorta di “sanatoria”: per consentire agli utenti di verificare ed eventualmente aggiornare le istanze inoltrate, c’è tempo fino alle 23 del 26 luglio per annullarle e trasmetterle nuovamente.
Le modalità di richiesta dello sgravio sono state fornite dall’istituto con la circolare n. 73/2013. La fonte normativa, invece, è nella legge n. 92/2012, che ha riagganciato la concessione dei benefici contributivi sulle erogazioni di produttività ai criteri regolatori della legge n. 247/2007. È poi intervenuto il Dm Lavoro-Economia del 27 dicembre 2012, che ha fissato al 2,25% della retribuzione contrattuale annua (corrisposta al lavoratore e imponibile ai fini contributivi, comprensiva della retribuzione variabile interessata allo sgravio) il limite degli emolumenti di secondo livello assoggettabili alla riduzione contributiva. Anche per i premi 2013, bisogna attendere una disposizione analoga.
Lo sgravio è pari al 25% dell’aliquota dovuta dai datori di lavoro, mentre riguarda l’intera contribuzione a carico del lavoratore, senza perdita di copertura pensionistica.

Prima di procedere con le istanze, però, è bene verificare il rispetto delle condizioni richieste: intanto, le somme interessate al beneficio e previste dagli accordi collettivi di secondo livello dovevano essere incerte nella loro corresponsione o nel loro ammontare, in linea con lo spirito incentivante.
Un altro requisito è il collegamento degli emolumenti a parametri di produttività e di competitività: possono rientrarvi anche le intese stipulate in base all’articolo 8 del Dl n. 138/2011 (contratti di prossimità).
Inoltre, gli accordi aziendali o territoriali istitutivi dei salari di secondo livello dovevano essere depositati presso la Dtl, entro il 6 maggio 2013.
Per accedere all’agevolazione, l’impresa deve rispettare le condizioni previste dalla legge n. 296/2006, in materia di regolarità contributiva e la parte economica prevista da accordi e contratti collettivi. Tutte le domande trasmesse, secondo le condizioni previste, saranno ammesse al beneficio (che andrà recuperato attraverso le denunce Uniemens) e l’Inps ne darà comunicazione entro 60 giorni dal termine per la presentazione. Se le risorse disponibili – pari a 650 milioni di euro – non fossero sufficienti a coprire la concessione dello sgravio nella misura richiesta dalle aziende, l’istituto dovrà riproporzionare gli importi.

Inps – Circolare N. 73/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *