Italia

Scuola, nuovo maxi-concorso: 63.700 assunzioni

Scuola, nuovo maxi-concorso: 63.700 assunzioni
Il ministero dell’Istruzione ha chiesto formalmente l’autorizzazione all’Economia per bandire, per il triennio 2016-2018, la selezione da 63.700 cattedre riservate ai soli docenti abilitati

La notizia era attesa, e sono in molti, in moltissimi anzi, ad essere interessati al nuovo maxi-concorso del mondo della scuola. Si tratta di numeri record. E’ in arrivo un nuovo maxi-concorsone per assunzioni nella scuola: 63.700 posti di lavoro. Si prevede che siano 250mila i candidati che potenzialmente possono essere interessati al nuovo concorsone. Stefania Giannini, la ministra, aveva ribadito l’assoluta necessità per l’Italia di “tornare finalmente alla Costituzione, prevedendo che d’ora in avanti si possa salire in cattedra solo per concorso”.

In tutto i posti messi a bando saranno dunque 63.700. E saranno suddivisi in questo modo: 6.800 per la scuola dell’infanzia, 15.900 per la primaria, 13.800 per le medie e 16.300 per la secondaria di secondo grado. Gli altri posti, circa 10.900, saranno destinati agli insegnanti di sostegno e a quelli che restano dall’ultima fase della maxi tornata di stabilizzazioni. La lunga procedura burocratica ha già preso il via. Il bando, attesissimo, verrà pubblicato entro la fine del mese di novembre.

Si punterà anche – come promesso dallo stesso governo – alla stabilizzazione dei circa 30mila precari inseriti nelle graduatorie a esaurimento che non si è riusciti a immettere in ruolo quest’anno. Quali saranno i requisiti? Al maxi-concorso potranno senz’altro partecipare solo gli abilitati, quindi anche i docenti in possesso di Tfa e Pas: in totale sono circa 250mila i candidati che potenzialmente possono essere interessati. Davvero tanti. Il tempo stringe e vi terremo aggiornati su tutte le novità. Non ci sarà probabilmente la prova preselettiva per le scuole medie e superiori (qui i candidati saranno meno in relazione ai posti): spazio quindi a uno scritto e a un orale (forse una vera e propria lezione simulata).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *