Italia

Scuola, 18mila nuove assunzioni per l’anno 2014-2015. Ma i sindacati rimangono critici

Scuola, 18mila nuove assunzioni per l'anno 2014-2015. Ma i sindacati rimangono critici
Promosso l’annuncio delle nuove immissioni in ruolo, ma l’Anief critica: pochi i docenti di sostegno. Altre critiche al governo sugli scatti d’anzianità e sui fondi

In arrivo più di 18mila assunzioni nella scuola per il prossimo anno scolastico, ma i sindacati non sono affatto soddisfatti dell’azione di governo sulla scuola. Ieri, durante l’incontro con i sindacati, il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza e i sindacati hanno annunciato la prima tranche di assunzioni nella scuola a partire dal mese di settembre. Si tratta, per entrare nel dettaglio, di 12.625 immissioni in ruolo per i docenti su posto comune, 1.604 per gli insegnanti di sostegno e 4.317 posti per il personale Ata: amministrativi, tecnici e ausiliari. Un pacchetto di assunzioni che farà scattare il nuovo Piano triennale varato dal governo Letta che prevede oltre 82mila assunzioni.

L’annuncio è arrivato mentre ancora sulla questione degli scatti di anzianità non si è ancora trovata la soluzione definitiva. “Un confronto su molti temi  –  è il commento piuttosto interlocutorio di Francesco Scrima, della Cisl scuola  –  e con qualche interessante spunto di apertura, ma nessuna concreta soluzione per le emergenze su cui abbiamo ancora una volta posto l’accento nell’incontro di oggi con la ministra“. Prima fra tutte quella per le cosiddette posizioni economiche del personale Ata, scatti che hanno già prodotto aumenti stipendiali, che per effetto del blocco degli automatismi economici, gli Ata rischiano di dovere restituire.

Una eventualità che Scrima definisce come “un vero e proprio furto a danno di lavoratori che hanno già svolto le attività per cui sono stati retribuiti“. Anche la Flc Cgil è piuttosto critica nei confronti della Carrozza e parla di incontro con “poche luci e molte ombre“. “Sul versante del ripristino degli scatti di anzianità di docenti e Ata – dichiara Mimmo Pantaleo – pur apprezzando l’impegno del ministro per evitare il recupero forzoso in busta paga, dobbiamo rilevare che nessuna risorsa aggiuntiva è stata prevista e l’unica possibilità che ci è stata prospettata è la decurtazione del fondo per il miglioramento dell’offerta formativa“. “Nessuna soluzione invece – continua Pantaleo – per le posizioni economiche del personale Ata e per il salario di posizione dei dirigenti scolastici“.

La Gilda degli insegnanti parla di importante “passo in avanti” per le prime assunzioni del Piano triennale e chiede al ministro di affrettare l’incontro all’Aran per trovare una soluzione alla questione degli scatti stipendiali. Ma sul contingente delle assunzioni su sostegno secondo l’Anief “i conti non tornano“. “Col decreto Scuola – dichiara Marcello Pacifico – si era stabilito un numero di assunzioni su sostegno superiore di dieci volte. Con questi numeri, oltre a danneggiare gli allievi, si rischia di lasciare per strada almeno 2mila docenti specializzati vincitori di concorso“. Mentre Marco Paolo Nigi, dello Snals, ha espresso con forza l’insoddisfazione del sindacato che non può dichiararsi soddisfatto soltanto perché il governo ha ridotto le penalizzazioni per il personale scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *