Fisco

SCIA senza bollo se non è previsto il rilascio di certificazioni

Non è soggetta a imposta di bollo la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), sempreché in esito alla presentazione della stessa non sia previsto, da parte dell’amministrazione ricevente, il rilascio di provvedimenti o certificazioni
Non è soggetta a imposta di bollo la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), sempreché in esito alla presentazione della stessa non sia previsto, da parte dell’amministrazione ricevente, il rilascio di provvedimenti o certificazioni

Non è soggetta a imposta di bollo la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), sempreché in esito alla presentazione della stessa non sia previsto, da parte dell’amministrazione ricevente, il rilascio di provvedimenti o certificazioni. Deve invece ritenersi assoggettabile a bollo, nella misura di 14,62 euro per foglio, il nulla osta di fattibilità che i titolari delle attività soggette al controllo dei vigili del fuoco possono richiedere preventivamente al Comando Provinciale.

Questi alcuni dei principali chiarimenti contenuti nella risoluzione n. 24/E del 2013. Con il documento di prassi l’Agenzia delle Entrate fa chiarezza in ordine al corretto trattamento da riservare, ai fini dell’imposta di bollo, su alcuni documenti di uso frequente nell’ambito delle attività soggette a controllo da parte del corpo dei Vigili del fuoco.

In particolare, veniva richiesta all’Agenzia un’interpretazione, nell’ambito del D.P.R. n. 642/1972, relativamente alle seguenti tipologie di atti:

  1. segnalazione certificata di inizio attività;
  2. nulla osta di fattibilità che i titolari delle attività soggette al controllo dei vigili del fuoco possono richiedere preventivamente al Comando Provinciale Vigili del Fuoco;
  3. richieste di verifiche in corso d’opera al fine di attestare la rispondenza delle opere alle disposizioni in materia di prevenzione incendi.

In merito al primo punto, l’Agenzia richiama l’art. 3 della tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972, il quale prevede l’assoggettamento all’imposta, tra gli altri, delle “[…] istanze […] dirette agli uffici e agli organi, […], dell’Amministrazione dello Stato, […], tendenti ad ottenere l’emanazione di un provvedimento o il rilascio di certificati, estratti, copie e simili […]”.

In proposito, viene ricordato come la precedente risoluzione n. 109 del 5 luglio 2001 abbia chiarito che le denunce di inizio attività – di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241 – non rientrino tra le istanze di cui al citato articolo 3, mancando in esse il presupposto dell’emanazione di un “provvedimento autoritativo”, dovendosi piuttosto considerare come “semplici comunicazioni”, da non assoggettare ad imposta di bollo.

Con l’occasione, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che alla medesima conclusione deve giungersi con riferimento alla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), che – all’esito delle modifiche introdotte dall’art. 49, comma 4-bis, legge n. 122/2010 – ha sostituito la dichiarazione di inizio attività. Anche quest’ultima, pertanto, non deve essere assoggettata ad imposta di bollo, sempreché in esito alla presentazione di detta segnalazione, non sia prevista da parte dell’amministrazione ricevente il rilascio di provvedimenti o certificazioni.

Diversa è la conclusione, invece, in ordine alla seconda tipologia di atti sottoposti all’attenzione delle Entrate. La risoluzione, infatti, riconduce il nulla osta di fattibilità tra i provvedimenti di cui all’art. 4 della tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972, con conseguente assoggettamento all’imposta di bollo nella misura di 14,62 euro per foglio.

Allo stesso modo, con riguardo alle richieste di verifiche in corso d’opera, l’Agenzia ha ritenuto che, laddove a seguito dell’effettuazione di dette visite, l’amministrazione proceda all’emanazione di un atto amministrativo, sia l’istanza presentata, sia il relativo atto rilasciato, debbano essere assoggettati a imposta di bollo, ai sensi degli articoli 3 e 4 della tariffa.

Agenzia Entrate – Risoluzione N. 24/E

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *