Italia

Sanità, oltre 5 milioni di famiglie rinunciano a curarsi. “Milioni di italiani in fuga per colpa dei tagli e della crisi”. Per fermarli serve “più” privato

Sempre meno risorse e il carico sui cittadini aumenta. Solo i ticket sono incrementati del 22% per visite e analisi e del 63% per i farmaci. E così sono sempre di più gli italiani che rinunciano o rimandano le cure
Sempre meno risorse e il carico sui cittadini aumenta. Solo i ticket sono incrementati del 22% per visite e analisi e del 63% per i farmaci. E così sono sempre di più gli italiani che rinunciano o rimandano le cure

Nel corso del 2013 in Italia 5,5 milioni di famiglie hanno rinunciato o rimandato le cure dentarie, 4,7 milioni di famiglie hanno rimandato o rinunciato a visite specialistiche e 2,9 milioni di famiglie hanno rimandato o rinunciato a esami di laboratorio. E’ quanto segnala l’11° rapporto ‘Ospedali & Salute’ dell’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) che è stato presentato il 10 dicembre a Roma.

Lo studio evidenzia poi che l’intervento economico prolungato sulla spesa pubblica ha portato e sta portando ad una stretta progressiva sul fronte dei pazienti che assume aspetti molteplici: la lievitazione dei ticket sanitari (22% dal 2009 al 2012) per la diagnostica e le visite specialistiche, l’aumento dei ticket dei farmaci (63% dal 2009 al 2012), l’incremento del ricorso al pagamento delle prestazioni intramoenia (51% dal 2011 al 2012) nonchè la lievitazione delle addizionali Irpef regionali (dal 2009 al 2012 ha toccato punte del 77%).

L’analisi contiene però anche proposte operative per migliorare il quadro del Ssn- Secondo Aiop, “se dalla spesa per gli ospedali pubblici si potessero eliminare 4 miliardi di inefficienze, si scenderebbe da 52,7 miliardi a 48,1 miliardi, mentre se quella per i privati accreditati aumentasse da 8,9 miliardi a 10,6 miliardi, si arriverebbe ad una spesa complessiva di 58,7 miliardi, invece degli attuali 61,6, con un risparmio del 4,6% rispetto ad oggi”.

Aiop denuncia quindi che è in atto un “lento processo di erosione del nostro sistema sanità, un sistema che rappresenta un patrimonio non solo in termini strutturali, ma anche in termini di servizi e professionalità che operano nel complesso ospedaliero, a cui si aggiunge l’insieme di dotazioni e attività nel campo scientifico e tecnologico”.

Il Ssn è infatti caratterizzato da 211.000 posti letto (70% ospedali pubblici, 30% ospedali privati accreditati), 1.125 strutture ospedaliere che producono 67,9 milioni di giornate di degenza, 650.000 addetti e da 14 milioni di pazienti che ogni anno entrano in una struttura ospedaliera, insieme ai parenti e agli accompagnatori. E con una spesa ospedaliera pubblica pari a 61,6 miliardi di euro, in un quadro generale di spesa sanitaria che risulta la più bassa (7% del PIL), rispetto alla media dei paesi Ocse (7.8% del PIL) e dei paesi G7 (8% del PIL), “diventa sempre più difficile sostenere il sistema e purtroppo, l’idea che le inefficienze sanitarie delle Regioni si possano affrontare riducendo il flusso di denaro resta radicata, al punto che il Documento di Economia e Finanza 2013 ipotizza una discesa della spesa sanitaria pubblica dal 7,1% del PIL del 2012, al 6.7% del PIL nel 2017”.

Tuttavia non mancano anche i segnali positivi. Oggi, per la prima volta “dopo una lunga stagione di tagli lineari, possiamo dire che il disinvestimento in sanità sembra essersi fermato: nessuna manovra di cassa potrà mai garantire efficientamento e riqualificazione quanto potrà farlo un processo di profonda riforma strutturale del sistema”.

Secondo Aiop sono due le strade principali da seguire in questo percorso riformatore: la prima è il riconoscimento di un finanziamento equo per tutti gli operatori, pubblici e privati, dove questi ultimi, che rappresentano il 27,3% dell’attività complessiva, costando però solo il 14,4% della spesa totale, sono soggetti a una sottotariffazione del 20% circa rispetto agli ospedali pubblici, che beneficiano tra l’altro del contributo da parte delle Regioni per ripianare i disavanzi di bilancio, colmando quindi le sacche di inefficienza. La seconda consiste nell’inserire una forte dose di trasparenza e semplificazione nella gestione dei sistemi sanitari regionali, a partire dalla compilazione obbligatoria di bilanci trasparenti e confrontabili per tutti gli ospedali pubblici.

Assicurato un finanziamento equo e misurabile – afferma il presidente Aiop Gabriele Pelissero – in relazione alla qualità e alla quantità delle prestazioni erogate, sarà finalmente possibile dare un vero contenuto al principio di responsabilità degli amministratori e contemporaneamente ridurre i vincoli burocratici che limitano l’autonomia manageriale. Nei mesi a venire seguiremo le proposte della seconda spending review – conclude – nell’auspicio che, in accordo con il Ministro Lorenzin, si possa attivare un risparmio tutto interno al sistema per liberare risorse che in esso devono essere reinvestite“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *