Lavoro

Rimborso dei maggiori oneri sostenuti dalle aziende del settore del trasporto pubblico per il 2011: modalità operative

Rimborso dei maggiori oneri sostenuti dalle aziende del settore del trasporto pubblico per il 2011: modalità operative
L’INPS fornisce le istruzioni operative con le quali le aziende del settore del trasporto pubblico potranno effettuare il recupero degli importi anticipati per le integrazioni delle indennità di malattia relative all’anno 2011

Con la circolare n. 146 del 6 agosto 2015, l’INPS fornisce le istruzioni operative con le quali le aziende del settore del trasporto pubblico potranno effettuare il recupero degli importi anticipati per le integrazioni delle indennità di malattia relative all’anno 2011.

Come noto, l’art. 1, comma 148, della legge n. 311/2004 (legge finanziaria 2005) ha abrogato, con effetti dal 1° gennaio 2005, l’allegato B del Regio Decreto n. 148/1931, che poneva a carico dell’INPS una serie di trattamenti economici di malattia speciali e aggiuntivi a favore dei lavoratori addetti ai pubblici servizi di trasporto.

Con la medesima decorrenza, ai suddetti lavoratori, si applica il trattamento previdenziale di malattia secondo le modalità e i limiti previsti dalla legge per la generalità dei lavoratori del settore industria.

La norma citata dispone – peraltro – che trattamenti aggiuntivi, rispetto a quelli erogati dall’INPS ai lavoratori del settore industria, possano essere definiti mediante la contrattazione collettiva di categoria.

L’art. 1, comma 273, primo periodo, della legge n. 266/2005, stabilisce che i maggiori oneri derivanti dagli accordi nazionali stipulati dalle associazioni datoriali e dalle organizzazioni sindacali di categoria in attuazione dell’art. 1, comma 148, della legge n. 311/2004, siano finanziati utilizzando le somme residuate dagli importi destinati al fine di assicurare il rinnovo del contratto collettivo relativo al settore del trasporto pubblico locale.

La quantificazione dei maggiori oneri contrattuali sostenuti dalle aziende di pubblico trasporto e l’individuazione dei criteri e delle modalità di ripartizione delle risorse finanziarie da destinare a copertura degli oneri medesimi, sono stati affidati ad un apposito Decreto interministeriale Lavoro – Infrastrutture e trasporti.

Per l’anno 2011, l’ammontare del maggior onere derivante dagli accordi nazionali stipulati dalle associazioni datoriali e dalle organizzazioni sindacali di categoria è stato quantificato dal Decreto 16 febbraio 2015, che ha affidato all’Istituto l’erogazione alle aziende degli importi spettanti.

Modalità operative. Adempimenti a carico delle Sedi
Per il recupero delle somme in argomento, le aziende destinatarie dovranno avvalersi del previsto codice causale “L215”, da valorizzare nell’Elemento <Denuncia Aziendale>, <AltrePartiteACredito>, <CausaleACredito>, del flusso UniEmens.

Le operazioni di conguaglio dovranno essere eseguite, dai soli datori di lavoro beneficiari, con una delle denunce contributive aventi scadenza entro il giorno 16 novembre 2015.

Propedeutica alle operazioni di conguaglio, è l’attribuzione del previsto codice di autorizzazione “4H”, avente il significato di “azienda di trasporto autorizzata al recupero delle somme anticipate per trattamenti speciali aggiuntivi di malattia”.

Il citato Decreto 16 febbraio 2015, all’art. 3, comma 3, dispone che l’erogazione è subordinata alla verifica del requisito di regolarità in capo alle aziende interessate. Tale requisito è attestato dal possesso del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

Pertanto, le Sedi territorialmente competenti a gestire le posizioni delle aziende destinatarie del beneficio al fine dell’attribuzione del previsto c.a. “4H”, dovranno attivare la verifica di regolarità contributiva accedendo, tramite le utenze di cui già dispongono, alla procedura “Durc on-line”.

Nel caso in cui la verifica di regolarità abbia avuto esito negativo, trova applicazione la previsione di cui al comma 3 del medesimo art. 31 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 che stabilisce che dalla somma dovuta sia trattenuto l’importo corrispondente all’inadempienza evidenziata nel DURC al fine della copertura dell’irregolarità attestata.

Inps – Circolare N. 146/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *