Dogane

Riduzione del credito d’imposta sui carburanti impiegati dai titolari di licenza taxi e noleggio con conducente

Riduzione del credito d'imposta sui carburanti impiegati dai titolari di licenza taxi e noleggio con conducente
Relativamente al bonus fiscale sui carburanti consumati per l’azionamento delle autovetture pubbliche da piazza, la riduzione del 15% dell’importo agevolato è operativa con riguardo ai crediti d’imposta i cui presupposti si realizzano a decorrere dal 1° gennaio 2014

Con la nota n. 141442/RU del 29 dicembre 2014, l’Agenzia delle Dogane, al fine di comunicare ai soggetti interessati informazioni idonee a consentire una più completa ed agevole conoscenza di misure, di prossima applicazione, inserite tra gli interventi contenuti nella legge 27 dicembre 2013, n.147 (legge di Stabilità per l’anno 2014), ritiene utile richiamare la prevista riduzione del credito d’imposta riguardante l’impiego agevolato dei carburanti utilizzati dai titolari di licenza per l’esercizio del servizio di taxi o il servizio di noleggio con conducente.

Come noto, l’art. 1, comma 577, della legge n. 147/2013 ha disposto la ridefinizione, in riduzione, delle quote percentuali di fruizione di ciascuno dei crediti d’imposta indicati nell’elenco 2 allegato alla stessa legge, da attuare con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Successivamente il D.P.C.M. 20.2.2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – Serie generale n. 67 del 21.3.2014, ha quindi rideterminato l’entità delle agevolazioni contenute nel suddetto elenco, riducendo del 15 per cento l’importo agevolato.

Tra i benefici fiscali incisi dagli effetti della misura sopradescritta rientra anche l’agevolazione disciplinata dal punto 12 della Tabella A allegata al D.Lgs. n. 504/95 a favore dei titolari di licenza per l’esercizio del servizio di taxi o di autorizzazione ad esercitare il servizio di noleggio con conducente di cui al D.M. 29.3.1994.

Ciò comporterà nei confronti di ciascun avente titolo, secondo quanto statuito dalle sopraindicate fonti normative, una riduzione percentuale del credito d’imposta, calcolato secondo i criteri fissati dalla disciplina di settore.

Relativamente al beneficio fiscale sui carburanti consumati per l’azionamento delle autovetture pubbliche da piazza, l’Agenzia rileva che le disposizioni contenute negli artt. 1 e 4 del citato D.P.C.M. rendono operativa la riduzione del 15 per cento dell’importo agevolato con riguardo ai crediti d’imposta i cui presupposti si realizzano a decorrere dal 1° gennaio 2014.

Pertanto, attese le modalità di applicazione dell’agevolazione fiscale che poggiano sull’effettivo svolgimento del servizio nel corso dell’anno solare e sul progressivo consolidarsi del credito al termine del medesimo periodo, la misura si rende efficace ad iniziare dalla presentazione, entro il prossimo mese di febbraio 2015, delle apposite istanze annuali riferite ai consumi del 2014.

Così, effettuato il computo dell’accisa a credito spettante ad ogni titolare di licenza di taxi/autorizzazione noleggio con conducente di cui al D.M. 29.3.1994 sui distinti carburanti (gasolio, benzina, GPL, gas naturale) consumati nell’anno 2014, commisurata alla differenza tra l’aliquota normale d’imposta e quella specifica agevolata vigenti per ciascun prodotto impiegato, si procederà a detrarre dall’importo totale risultante la prescritta misura percentuale.

Conseguentemente, ai fini del rilascio da parte degli Uffici delle dogane del provvedimento di determinazione del credito d’imposta, la procedura informatica attualmente utilizzata per il calcolo dell’accisa a credito viene revisionata in modo che il risultato finale ottenuto tenga già conto dell’intervenuta riduzione percentuale del 15 per cento.

Agenzia delle Dogane – Nota N. 141442/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *