Italia

Renzi: “Dal prossimo anno addio 740”

Renzi: “Dal prossimo anno addio 740”
«Il 740, fortunatamente per loro, non ce l’hanno negli altri paesi e non l’avremo nemmeno noi, perché dal prossimo anno elimineremo un certo modello di dichiarazioni dei redditi»

«Il 740, fortunatamente per loro, non ce l’hanno negli altri paesi e non l’avremo nemmeno noi, perché dal prossimo anno elimineremo un certo modello di dichiarazioni dei redditi». Lo ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi, parlando alla fondazione italiana di tecnologia a Genova.

«I politici abbiano il coraggio di costruire un futuro possibile. Non bisogna dire che va sempre tutto male in Italia. Il vostro esempio è una eccellenza. Dobbiamo raccontare un futuro possibile, vero. Noi siamo la costruzione di un futuro che c’è», ha continuato, rivolto a i ricercatori. «Siete bravissimi, ma non basta. Noi da voi ci aspettiamo il Nobel. Dobbiamo puntare lì. Perché l’Italia deve smettere di fare sogni piccolini – ha aggiunto -. In questi mesi hanno prevalso gli insulti, sta vincendo il rancore – ha aggiunto Renzi -, per fortuna c’è anche un’Italia che funzione come questa».

Al suo arrivo il premier ha ricevuto numerosi incoraggiamenti da parte delle persone che lo hanno aspettato alla scuola elementare di Genova, dove ha partecipato ad una cerimonia. «Presidente non molli», gli ha gridato una signora mentre entrava nell’edificio scolastico. E Renzi ha replicato: «detto con questo tono, obbedisco». C’è stato anche un solitario contestatore che all’arrivo del premier ha issato un piccolo striscione con la scritta: «Belin che MoVimento» e al passaggio di Renzi ha gridato: «Questo è il futuro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *