Diritto

Rendere pubblica la morosità di un condomino? E’ reato

Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Rendere pubblica la morosità di un condomino? E..." Adesso
Lo ha affermato in una sentenza recente la Cassazione. Il caso è quello di un condominio di Messina
Lo ha affermato in una sentenza recente la Cassazione. Il caso è quello di un condominio di Messina

E’ reato rendere pubblica la morosità di un condomino. In una recente sentenza (n. 4364), la Cassazione ha condannato per diffamazione un amministratore condominiale di Messina che aveva affisso, nel settembre 2007, un avviso di imminente distacco della fornitura idrica ad un gruppo di condomini morosi.

Secondo la Corte, difatti, una simile affissione è da considerarsi diffamatoria, poiché viene pubblicata “in un luogo accessibile non già ai soli condomini dell’edificio per i quali può sussistere un interesse giuridicamente apprezzabile alla conoscenza di tali fatti, ma a un numero indeterminato di altri soggetti”. Come può essere ad esempio l’androne di un condominio.

Se davvero – continua la Cassazione – la prospettiva dell’amministratore fosse stata quella dell’informazione celere rispetto all’imminente interruzione del servizio, attraverso modalità comunicative potenzialmente percepibili da terzi estranei al condominio, egli avrebbe dovuto calibrare il contenuto dell’informazione a tale esigenza, evitando di menzionare anche l’identità dei condomini morosi”.

L’amministratore del condominio aveva affisso sulla porta dell’ascensore, all’ingresso del palazzo, l’elenco dei morosi avvisando che, se entro due giorni non avessero provvisto al saldo, la società municipalizzata erogatrice del servizio idrico li avrebbe lasciati all’asciutto. Uno dei condomini, Rosario G., lo aveva denunciato per offesa alla reputazione anche perché una parte della mora che lo riguardava era attribuibile al precedente inquilino mentre lui, più volte, aveva anche sollecitato l’amministratore per fare chiarezza sulla sua parte di debito.  Ad avviso di Rosario G., quel comunicato affisso all’ascensore aveva l’evidente intento “di sottoporre ad una pubblica gogna coloro che non avevano pagato le quote”. Dunque la Cassazione, confermata la decisione già presa dal Tribunale di Messina, ha dato ragione al condomino, la cui reputazione è stata messa a repentaglio dall’iniziativa incauta dell’amministratore.

Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Rendere pubblica la morosità di un condomino? E..." Adesso
Print Friendly, PDF & Email
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close