Lavoro

Registrato dalla Corte dei Conti il decreto sulle modalità per la comunicazione del lavoro intermittente

Registrato dalla Corte dei Conti il decreto interministeriale che disciplina tutte le modalità per effettuare la comunicazione della chiamata del lavoro intermittente

In data 29 Maggio 2013 è stato registrato dalla Corte dei Conti il decreto interministeriale del 27 Marzo 2013 che disciplina tutte le modalità per effettuare la comunicazione della chiamata del lavoro intermittente.

Il decreto conferma il modello di comunicazione “UNI – Intermittente” come strumento principale per l’adempimento della comunicazione. Il modello deve contenere i dati identificativi del lavoratore e del datore di lavoro e la data di inizio e fine cui la chiamata si riferisce. Il modulo deve essere trasmesso esclusivamente secondo una delle seguenti modalità:

  • via email all’indirizzo di posta elettronica certifica;
  • attraverso il servizio informatico reso disponibile sul portale Cliclavoro.

La modalità dell’SMS è ammessa esclusivamente in caso di prestazione da rendersi non oltre le 12 ore dalla comunicazione. L’SMS deve contenere almeno il codice fiscale del lavoratore.

E’ stata reintrodotta la possibilità di utilizzare il fax , ma solo in caso di malfunzionamento dei sistemi sopracitati (i sistemi di trasmissione del modello UNI – Intermittente). In questo caso il datore di lavoro può inviare un fax alla Direzione territoriale del lavoro competente. Costituisce prova dell’adempimento dell’obbligo la comunicazione del malfunzionamento del sistema unitamente alla ricevuta di trasmissione del fax.

Decreto Interministeriale 27 Marzo 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *