Fisco

Regime di tassazione delle pensioni pagate da San Marino agli ex lavoratori frontalieri italiani

Regime di tassazione delle pensioni pagate da San Marino agli ex lavoratori frontalieri italiani
Secondo le Autorità di San Marino, l’insieme delle pensioni di vecchiaia, anzianità e reversibilità, erogate da San Marino a residenti italiani devono essere assoggettate a tassazione esclusiva a San Marino. Secondo l’Agenzia delle Entrate, invece, le pensioni erogate al residente di uno Stato in relazione ad un cessato impiego sono assoggettate ad imposizione esclusiva nello Stato di residenza del beneficiario, nel caso di specie in Italia. Alla luce del contrasto interpretativo tra le Autorità di San Marino e l’Agenzia delle Entrate, è necessario addivenire ad un accordo di portata generale, al fine di evitare casi di doppia imposizione

Con l’interrogazione n. 5-05751 sono stati chiesti chiarimenti in merito alla tassazione delle pensioni pagate da San Marino agli ex lavoratori frontalieri italiani, in modo da superare le difficoltà interpretative connesse alle disposizioni contenute nell’art. 18 (pensioni) della Convenzione contro le doppie imposizioni attualmente vigente tra Italia e San Marino.

In particolare, tra Italia e San Marino è in vigore una Convenzione per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi fiscali, con Protocollo aggiuntivo, fatta a Roma il 21 marzo 2002, modificata con un successivo Protocollo di modifica, fatto a Roma il 13 giugno 2012.
La Convenzione ed il Protocollo di modifica sono stati entrambi ratificati con legge 19 luglio 2013, n. 88 e sono in vigore dal 3 ottobre 2013.

L’art. 18 della Convenzione disciplina la tassazione dei trattamenti pensionistici. Nello specifico, si fa riferimento alle pensioni e retribuzioni analoghe, pagate in relazione ad un cessato impiego non relativo a funzioni pubbliche (art. 18, paragrafo 1), soggette a tassazione nel solo Stato di residenza del beneficiario del trattamento, e delle pensioni ed altri pagamenti analoghi ricevuti nell’ambito della legislazione di sicurezza sociale (art. 18, paragrafo 3), soggetti a tassazione soltanto nello Stato della fonte.

Per l’individuazione dell’ambito applicativo delle citate disposizioni convenzionali – chiarisce l’intervento – risulta necessario definire la nozione di sicurezza sociale presente nel medesimo Trattato internazionale.
Secondo quanto previsto dal paragrafo 28 del Commentario all’art. 18 del Modello OCSE di Convenzione per evitare le doppie imposizioni, la nozione di sicurezza sociale si riferisce ad un sistema di protezione obbligatoria istituita da uno Stato con l’obiettivo di garantire ai propri cittadini un livello minimo di reddito o di benefici pensionistici o di ridurre l’impatto finanziario di eventi quali disoccupazione, malattia o morte.

Sulla questione si è registrato un contrasto interpretativo tra le Autorità di San Marino e l’Agenzia delle Entrate.
Infatti, la Segreteria di Stato Finanze e Bilancio della Repubblica di San Marino, recentemente, nella circolare n. 14227 del 2014 del 7 febbraio 2014 ha precisato che tutte le prestazioni pensionistiche, erogate a fronte di contributi obbligatori ai sensi della legislazione sanmarinese, rientrerebbero nell’ambito dell’art. 18, paragrafo 3, del citato Trattato internazionale mentre nel paragrafo 1 del medesimo articolo rientrerebbero unicamente le pensioni erogate sulla base di contribuzioni volontarie da parte del lavoratore.
In sostanza, dall’interpretazione fornita dalle Autorità sammarinesi consegue che l’insieme delle pensioni di vecchiaia, anzianità e reversibilità, erogate dall’ISS a residenti italiani dovrebbero essere assoggettate a tassazione esclusiva a San Marino.
Di diverso avviso è invece l’Agenzia delle Entrate che in sede di risposta ad un’istanza di interpello fornita dalla Direzione Regionale dell’Emilia Romagna ad un residente italiano titolare di una pensione di fonte sanmarinese, afferma che le pensioni erogate al residente di uno Stato in relazione ad un cessato impiego sono assoggettate ad imposizione esclusiva nello Stato di residenza del beneficiario, nel caso di specie in Italia, restando esclusa la possibilità di fruire del credito previsto dall’art. 165 del TUIR per le imposte applicate a San Marino.

In merito al significato da attribuire all’espressione «sicurezza sociale» giova rilevare, altresì, che l’Agenzia delle Entrate, con circolare del 21 luglio 2003, n. 41/E, ha fornito l’interpretazione di tale nozione, per quanto riguarda le Convenzioni con Finlandia, Svezia e Lussemburgo, affermando che essa ricomprende solo i trattamenti non a carattere contributivo, cioè le cosiddette pensioni sociali e quelle di invalidità; di conseguenza tutti gli altri trattamenti erogati in relazione ad un cessato impiego ed al versamento dei relativi contributi (pensioni di anzianità, vecchiaia e reversibilità) rientrano nella regola generale che prevede la tassazione esclusiva nello Stato di residenza del contribuente.

In merito alla fattispecie in esame viene poi richiamato quanto stabilito dalla Suprema Corte di Cassazione – V Sezione Civile – con sentenza del 3 febbraio 2012 n. 1550, relativamente alla pensione pagata ad un residente italiano per un’attività lavorativa svolta in Lussemburgo.
Nella predetta sentenza la Suprema Corte ha affermato che la nozione di sicurezza sociale, contenuta nella Convenzione tra Italia e Lussemburgo deve essere interpretata, ai sensi dell’art. 3, «comma 2» del predetto Trattato internazionale, secondo il significato ad essa attribuito «dall’ordinamento italiano, nel quale, a seguito di un’evoluzione costituzionalmente orientata, la detta espressione è indicativa di un concetto di ampio contenuto, comprensivo di tutti i diritti, tanto di previdenza che di assistenza, collegati alla persona e alla sua dignità e, in quanto tali inviolabili, secondo i princìpi riconosciuti dall’art. 38 Costituzione… e presenti anche nel diritto internazionale».
Da ciò deriva che, per la Suprema Corte, nel genere «sicurezza sociale» debba trovare collocazione non solo il trattamento assistenziale ma anche quello previdenziale con la conseguenza che sia le pensioni di anzianità che quelle di vecchiaia sono da ricondurre nell’ambito della sicurezza sociale.

La citata sentenza della Cassazione – precisa la risposta -, riguardando unicamente la Convenzione tra Italia e Lussemburgo, risulta, in ogni caso, ininfluente ai fini dell’interpretazione del Trattato tra Italia e San Marino che andrebbe, invece, concordata in sede bilaterale.
Il paragrafo 28 del Commentario al Modello OCSE, prendendo atto della differenza tra i sistemi di sicurezza sociale degli Stati membri, non reca alcuna indicazione univoca rispetto alla fattispecie in esame ma ne rinvia la definizione a negoziati bilaterali tra i Paesi coinvolti.

Pertanto, al fine di evitare casi di doppia imposizione si rende necessario addivenire ad un accordo di portata generale, tra le Autorità competenti di Italia e San Marino, circa l’ambito applicativo dei paragrafi 1 e 3 dell’art. 18 del predetto Trattato internazionale.
A tal riguardo viene fatto presente che, anche se la Convenzione non prevede, come nella generalità dei Trattati per evitare le doppie imposizioni in vigore nel nostro Paese, la costituzione di alcuna commissione tecnica deputata all’applicazione della stessa, la problematica in questione è stata oggetto di un tavolo tecnico bilaterale tra rappresentanti dell’Amministrazione finanziaria italiana e rappresentanti dell’Amministrazione sanmarinese in esito al quale, non sussistendo elementi che possano fare escludere l’attuale imponibilità in Italia dei redditi in questione, le parti si sono riservate la possibilità di verificare eventuali nuove soluzioni in chiave prospettica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *