Lavoro

Recupero della solidarietà: utile anche il periodo di paga giugno 2016

Recupero della solidarietà: utile anche il periodo di paga giugno 2016
La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro torna sul tema del recupero del 10% relativo alla maggiore integrazione salariale concessa nei casi di stipula dei contratti di solidarietà difensivi di tipo A

La Fondazione Studi Consulenti del lavoro, con il parere n. 4 del 12 maggio 2016, affronta la controversa questione sorta tra gli addetti ai lavori in merito alla tempistica di recupero delle maggiorazioni spettanti per le integrazioni salariali derivanti dalla stipula di contratti di solidarietà difensivi di tipo A: in questo caso, infatti, la maggiorazione concessa è pari al 10% della retribuzione persa a seguito della riduzione dell’orario di lavoro concordata.

Con il messaggio n. 1760 del 20 aprile 2016 l’INPS ha fornito istruzioni in ordine al recupero dell’incremento del 10% del trattamento di integrazione salariale per i contratti di solidarietà di competenza 2016 e 2015 non ancora conguagliate.
Con particolare riferimento alle maggiorazioni di competenza 2016 il messaggio prevede che “le operazioni di recupero della maggiorazione del 10% riferita a periodi gennaio, febbraio e marzo 2016 dovranno essere effettuate con le denunce contributive relative ai periodi di paga di aprile, maggio e/o giugno 2016. A partire dalla competenza di giugno 2016, cesserà l’operatività del predetto codice “G710”.

Con l’art. 2-quater, comma 2 della legge n. 21/2016, è stato stabilito che per i contratti di solidarietà di tipoA” stipulati del 24 settembre 2015, le cui istanze di integrazione salariale siano state presentate entro la stessa data, l’ammontare del trattamento di integrazione salariale è aumentato, per il solo anno 2016, per una durata massima di 12 mesi, nella misura del 10 della retribuzione persa a seguito della riduzione d’orario, fino a concorrenza dell’importo massimo complessivo di 50 milioni di euro.

Sul punto, l’INPS da un lato ha precisato che i periodi gennaio, febbraio e marzo 2016 dovranno essere effettuate con le denunce contributive relative ai periodi di paga di “aprile, maggio e/o giugno 2016”, e dall’altro lato ha affermato che “A partire dalla competenza di giugno 2016” cesserà l’operatività del codice di recupero.

Orbene, la Fondazione Studi ritiene che il passaggio contenuto nel documento dell’Istituto vada letto nel senso che il recupero può essere effettuato fino al periodo di paga di giugno 2016 (quindi competenza giugno 2016) con presentazione Uniemens entro il 31 luglio 2016. Solo a partire dal periodo di paga di luglio 2016 il codice cesserà la sua operatività.

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro – Parere N. 4/2016

Potrebbe anche interessarti: Contratti di solidarietà: dall’Inps le istruzioni per i conguagli delle maggiorazioni 2015/2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *