Italia

Professionista abusivo? Per saperlo basta un QR-Code

Un QR-Code che può essere letto dagli smartphone da apporre all’uscita di ogni studio. Una targa elettronica sulla porta degli studi per scoprire se quel professionista esercita regolarmente. E’ questo il “modello” che ha adottato La Regione Lazio, sottoscrivendo un accordo di tre anni con l’ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.

Nel Lazio ci sono 50mila medici di cui 6 o 7mila abusivi.

Online tutte le informazioni. Accedendo a una banca dati chiunque, con pochi click, potrà ottenere informazioni utili sui medici e sulla legalità e lo stato del loro studio.

La targa elettronica. Verrà installata sulla porta degli studi medici: basterà “puntarla” col telefonino per scoprire se quel dottore o quel dentista sono in possesso di una vera laurea ed esercitano regolarmente la professione.

Un QR-Code (cioè quei “codici a barre” quadrati che possono essere letti dagli smartphone) apposto all’uscita di ogni studio medico o odontoiatrico, ne certificherà la regolarità amministrativa e professionale.

L’attuazione delle norme prevista dall’accordo sarà verificata ogni sei mesi.

Vogliamo cambiare la sanità nel Lazio – ha detto il presidente, Nicola Zingaretti – mi auguro di far sentire la regione più vicina ai bisogni di tutti, sia degli operatori che dei pazienti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *