Fisco

Procedure automatizzate per tutti i rimborsi di tasse e imposte

Procedure automatizzate per tutti i rimborsi di tasse e imposte
L’utilizzo delle procedure automatizzate si applica a tutti i rimborsi di tasse e imposte dirette e indirette che sono pagati dall’Agenzia delle Entrate

Con il provvedimento n. 18173 del 07 febbraio 2014 dell’Agenzia delle Entrate sono stati individuati i rimborsi da eseguire mediante procedure automatizzate e determinate le relative modalità di esecuzione.

Con il provvedimento in oggetto è stato disposto l’utilizzo delle procedure automatizzate a tutti i rimborsi di tasse e imposte dirette e indirette che, per disposizioni normative o convenzionali, siano pagati dall’Agenzia delle Entrate e che, ad oggi, in assenza di disposizioni normative che prevedano apposite modalità di erogazione, sono erogati dagli uffici dell’Agenzia utilizzando i fondi di bilancio.
Fino alla data del 30 giugno 2014, i rimborsi previsti ed individuati nella tabella pubblicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, continueranno ad essere eseguiti secondo le modalità vigenti alla data di pubblicazione del presente provvedimento.

Al fine di predisporre i dati occorrenti per i rimborsi l’Agenzia provvede mediante la formazione di liste di rimborso, emesse con procedure automatizzate e contenenti, per ciascun periodo e tipo d’imposta, in corrispondenza del singolo nominativo, le generalità dell’avente diritto al rimborso, il codice fiscale, il numero di protocollo della dichiarazione o dell’istanza dalla quale scaturisce il rimborso e l’ammontare dell’imposta da rimborsare.

Il pagamento dei rimborsi avviene con accredito sul conto corrente bancario o postale comunicato dal beneficiario.
In caso di mancata comunicazione delle coordinate bancarie o postali, l’erogazione dei rimborsi alle persone fisiche avviene:

  • in contanti, tramite l’invio di una comunicazione contenente l’invito a presentarsi presso gli sportelli di Poste Italiane s.p.a, per riscuotere i rimborsi il cui importo, comprensivo di interessi, è inferiore al limite di 1.000 euro;
  • con vaglia cambiario non trasferibile della Banca d’Italia, per i rimborsi il cui importo, comprensivo di interessi, è pari o superiore al limite di 1.000 euro.

Il contribuente comunica le coordinate del proprio conto corrente bancario o postale presentando il modello reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate in formato elettronico sul sito internet www.agenziaentrate.gov.it, presso qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate oppure, previa abilitazione ai servizi telematici, tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate.
Gli effetti della scelta esercitata con la comunicazione delle coordinate bancarie o postali, si applicano a tutti i rimborsi da erogare al contribuente. La scelta è valida fino ad eventuale aggiornamento della stessa, da effettuarsi con una nuova comunicazione. In tal caso, la nuova scelta espressa si applica ai rimborsi che non siano ancora confluiti nelle liste di rimborso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *