Fisco

Principi contabili nazionali, focus su immobilizzazioni materiali e immateriali

I commercialisti analizzano alcuni recenti elementi di interesse alla luce delle numerose novità introdotte in seguito all'emergenza sanitaria da Covid-19

Il Consiglio e la Fondazione nazionali dei commercialisti pubblicano il 13° numero dell’informativa periodica “Valutazione e controlli” con l’obiettivo di portare all’attenzione alcuni recenti elementi di interesse, anche alla luce delle numerose novità introdotte a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

Come di consueto, l’informativa è suddivisa in quattro sezioni: Principi contabili italiani, Principi italiani di valutazione, Principi di revisione e Controlli interni.

La prima sezione, dedicata ai Principi contabili nazionali, si apre con un richiamo agli ultimi eventi pandemici che, a causa delle chiusure dovute al lock-down, hanno influito sulla valutazione delle immobilizzazioni materiali e immateriali. Nel dettaglio, viene menzionata una comunicazione pubblicata dall’OIC relativa alla modifica del metodo di ammortamento delle immobilizzazioni e si rinvia a due ulteriori documenti: il primo è un resoconto pubblicato dall’OIC relativo al metodo di contabilizzazione delle operazioni di leasing; il secondo pubblicato, dalla Fondazione IFRS, è un Consultation Paper in materia di Sustainability Reporting.

Nella sezione sui Principi italiani di valutazione viene proposto un Discussion Paper con cui l’OIV delinea alcune linee guida per l’Impairment test dopo gli effetti della pandemia da Covid-19. L’obiettivo del documento è quello di dare a tutti gli esperti chiamati a valutare un’impresa le migliori procedure da seguire in questa fase di crisi.

La sezione dedicata ai Principi di revisione dà invece spazio alle novità in tema di revisione legale, in particolar modo all’aggiornamento di 22 Principi di revisione internazionali (ISA Italia) in vigore per la redazione delle revisioni dei bilanci 2020.

L’Informativa si chiude con un paragrafo dedicato ai Controlli interni, in cui si segnala il decreto del Tribunale di Milano, sezione Impresa B, del 21 ottobre 2019 con cui il Giudice, in relazione a un ricorso ex art. 2409 c.c. presentato dal collegio sindacale, affronta la questione della correlazione esistente tra obblighi di attivazione previsti nell’art. 2086 c.c. e le gravi irregolarità nella gestione qualificanti il presupposto per presentare la denuncia al Tribunale ai sensi dell’art. 2409 c.c.

La lettura dell’informativa è facilitata dalla presenza di collegamenti ipertestuali per richiamare documenti di legge, di prassi e di dottrina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *