Lavoro

Prestazioni estere: attestazione di esistenza in vita entro il 3 giugno 2015

Prestazioni estere: attestazione di esistenza in vita entro il 3 giugno 2015
A partire dal 2 febbraio i pensionati all’estero stanno ricevendo una lettera esplicativa con cui il Citi richiede di fornire la prova annuale di esistenza in vita

Come noto il servizio di pagamento delle prestazioni INPS all’estero è effettuato dal Servizio Interattivo automatico di Citi che, in ottemperanza ai suoi obblighi contrattuali, sta inviando, a partire dal 2 febbraio, ai pensionati all’estero la richiesta di fornire la prova annuale di esistenza in vita.

La lettera esplicativa che i pensionati riceveranno contiene anche le FAQ (domande frequenti) che sono personalizzate per ogni Paese, inoltre riporta:

  • le istruzioni per la compilazione del modulo di esistenza in vita;
  • la lista dei testimoni accettabili per il Paese di residenza del pensionato (per testimone accettabile s’intende un rappresentante di Ambasciata o Consolato Italiano o un’Autorità locale abilitata ad avallare la sottoscrizione dell’attestazione di esistenza in vita);
  • la richiesta di documentazione di supporto (fotocopia di un valido documento d’identità del pensionato con foto, oppure fotocopia della prima pagina di un suo estratto conto bancario recente, oppure fotocopia di una bolletta recente riportante il nome del pensionato);
  • le indicazioni per contattare il Servizio Citi di assistenza ai pensionati.

Con messaggio n. 1116 del 13 febbraio 2015, l’INPS oltre a comunicare quanto sopra, evidenzia che la restituzione del modulo di attestazione dell’esistenza in vita dovrà avvenire entro il 3 giugno 2015.

Il messaggio evidenzia eventuali diverse modalità alternative di attestazione dell’esistenza in vita. In particolare per i pensionati residenti in Canada, in Australia, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, a partire dalla verifica dell’esistenza in vita per il 2015 l’INPS ha fornito a Citi una lista di operatori dei Patronati, previa verifica da parte di Citi del possesso della qualifica di testimone accettabile, sono autorizzati ad accedere a un portale specificamente predisposto da Citi al fine di attestare in forma telematica l’esistenza in vita dei pensionati.

L’Istituto comunica che è comunque attivo il Servizio Clienti a supporto dei pensionati, Consolati, delegati, procuratori, che richiedessero assistenza riguardo alla procedura di attestazione dell’esistenza in vita, e che può essere contattato nei seguenti modi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *