Fisco

Presentazione Unico 2013 oltre la scadenza, ecco come fare

Presentazione Unico 2013 oltre la scadenza, ecco come fare
Cosa succedere per quei contribuenti che non rispettano la scadenza del 30 settembre scorso per la presentazione del modello Unico 2013? Ecco tutte le risposte

Cosa succede per chi non ha rispettato la scadenza per la presentazione del modello Unico 2013 in via telematica?

Scadenza presentazione Unico 2013. E’ scaduto il 30 settembre 2013, il termine per la presentazione in via telematica del modello Unico 2013, il modello unificato che permette di presentare più dichiarazioni fiscali. Si ricorda che il modello Unico 2013 deve essere presentato da quei contribuenti tenuti alla presentazione sia della dichiarazione dei redditi che della dichiarazione Iva.

In particolare, tali contribuenti sono lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro e sono in possesso di più certificazioni di lavoro dipendente o assimilati (CUD 2013 e/o CUD 2012), nel caso in cui l’imposta corrispondente al reddito complessivo superi di oltre euro 10,33 il totale delle ritenute subite e lavoratori dipendenti che direttamente dall’INPS o da altri Enti hanno percepito indennità e somme a titolo di integrazione salariale o ad altro titolo, se erroneamente non sono state effettuate le ritenute o se non ricorrono le condizioni di esonero dalla presentazione del Modello Unico.

Presentazione del Modello Unico 2013 oltre la scadenza. Cosa succede per chi non ha rispettato la scadenza Unico 2013? In tal caso, se il contribuente presenta il Modello Unico entro 90 giorni dalla scadenza del termine stabilito, la dichiarazione è considerata ancora valida ma, per il ritardo, l’Agenzia delle Entrate applicherà una sanzione.
Tali sanzioni per il mancato rispetto della scadenza di Unico 2013 variano da 258 a 1.032 euro, che può aumentare fino al doppio per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili. Si può evitare la sanzione piena se, entro lo stesso termine di 90 giorni, si versa spontaneamente una sanzione ridotta (25 euro, pari ad 1/10 di 258 euro). La dichiarazione presentata con ritardo superiore a 90 giorni si considera, invece, omessa, ma costituisce comunque titolo per la riscossione delle imposte da essa derivanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *