Diritto

Perde l’abitazione e l’affidamento dei figli la moglie separata in casa che va via con i figli

Addebito alla madre e affidamento dei figli al padre, se la moglie separata in casa, decide all'improvviso di rompere la convivenza forzata portandosi via i bambini all'insaputa del marito
Addebito alla madre e affidamento dei figli al padre, se la moglie separata in casa, decide all’improvviso di rompere la convivenza forzata portandosi via i bambini all’insaputa del marito

Addebito alla madre e affidamento dei figli al padre, se la moglie separata in casa, decide all’improvviso di rompere la convivenza forzata portandosi via i bambini all’insaputa del marito.

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10719/2013, esclude che la separazione di fatto, sia una buona ragione per scegliere di lasciare realmente il coniuge, approfittando delle vacanze estive come ha fatto la ricorrente. Un gesto che sarebbe giustificato solo da una situazione di grave intollerabilità che deve essere dimostrata dal “fuggitivo”. Per la Cassazione vale l’elemento della coabitazione, mentre sono irrilevanti le proteste della ricorrente che parlava di una “vita di facciata” e dei tradimenti del coniuge.

All’ex marito viene riconosciuto il diritto alla casa coniugale, anche se convivente more uxorio con un’altra donna, l’affidamento dei figli e un assegno di mantenimento per questi ultimi.

La Cassazione censura il comportamento della ex moglie che aveva continuato a tenere i figli lontano dal padre anche dopo la notifica del ricorso di separazione: una prova della sua volontà di creare una distanza, non solo fisica dal padre. La Suprema corte ricorda, infatti, che “anche il comportamento tenuto dal coniuge successivamente al venire meno della convivenza, ma in tempi immediatamente prossimi a detta cessazione può rilevare ai fini della dichiarazione di addebito di separazione allorché costituisca una conferma del passato e concorra a illuminare sulla condotta pregressa“.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 10719/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *