Lavoro

Per aprire nuove attività di lavoro autonomo, l’ASpI potrà essere richiesta in unica soluzione anzichè a rate

Per aprire nuove attività di lavoro autonomo, l'ASpI potrà essere richiesta in unica soluzione anzichè a rate
Possibile richiedere il pagamento dell’ASpI e la Mini ASpI 2012 con liquidazione in unica soluzione, e non a rate mensili, per aprire una nuova attività di lavoro autonomo con partita Iva oppure per associarsi in cooperative. Sbloccati 20 milioni di euro annui per il triennio 2013-2015. Il tutto in un Decreto del Ministero del lavoro

A partire dall’anno 2013, l’indennità di disoccupazione, sia ordinaria che con requisiti ridotti, è stata sostituita dall’Assicurazione sociale per l’Impiego (ASpI). In futuro sarà sostituita anche l’indennità di mobilità. La riforma del mercato del lavoro ha portato quindi importantissime novità in materia di prestazioni a sostegno del reddito. L’ASpI e la Mini ASpI prevedono come novità anche l’ipotesi della liquidazione in unica soluzione dell’indennità spettante.

In questi mesi si sono susseguite molteplici circolari dell’Inps in materia, nonché chiarimenti importanti. La vecchia indennità con requisiti ridotti è stata sostituita dalla Mini ASpI 2012, che è una versione provvisoria di collegamento tra la vecchia indennità e la nuova Mini ASpP. Sono necessarie al tal fine le vecchie 78 giornate di lavoro nel 2012 e non le nuove 13 settimane della normativa sulla Mini ASpI, che partirà dal prossimo anno.

La normativa sull’ASpI, tra le tante novità, prevede la sospensione dell’erogazione dell’indennità in caso di nuovo lavoro non superiore a 6 mesi, nonché la riduzione dell’importo dell’ASpI all’80% del reddito nel caso di lavoro autonomo. Prevista infine anche la liquidazione dell’importo totale spettante in unica soluzione, per le iniziative imprenditoriali di lavoro autonomo.

Il 29 marzo 2013, è stato adottato un provvedimento in tal senso. La circolare Inps n. 142 del 2012 aveva già richiamato tale possibilità per il triennio 2013-2015, in attesa di un Decreto del Ministro del lavoro. Tale Decreto è arrivato: Sono stati sbloccati dei fondi per i lavoratori, beneficiari di ASpI o di Mini ASpI 2012, che optano per il pagamento in unica soluzione, e non mensile, per il lancio di nuove attività di lavoro autonomo. Vediamo il comunicato relativo al Decreto adottato dai Ministri Fornero e Grilli.

Liquidazione in un’unica soluzione dell’ASpI e della Mini ASpI. Adottato il decreto attuativo della legge di riforma del mercato del lavoro.
I Ministri Elsa Fornero e Vittorio Grilli hanno adottato un provvedimento attuativo della legge di riforma del mercato del lavoro che incentiva i lavoratori disoccupati verso la ricollocazione in attività di lavoro autonomo.

In particolare, il decreto consente ai beneficiari dell’ASpI e della Mini ASpI di chiedere la liquidazione anticipata, in un’unica soluzione, delle mensilità non ancora percepite, al fine di avviare un’attività di lavoro autonomo o di associarsi in cooperativa ovvero di sviluppare a tempo pieno un’attività autonoma già iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente la cui cessazione ha dato luogo all’ASpI o alla Mini ASpI.

La misura, adottata in via sperimentale per un triennio, viene riconosciuta nel limite massimo di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015. Il decreto, ora, dovrà essere registrato dai competenti organi di controllo.

Si resta in attesa di notizie sulla registrazione del Decreto, su questa possibilità utile a molti lavoratori in stato di disoccupazione involontaria che, viste le difficoltà di reinserimento nel mondo del lavoro, pensano di optare per una iniziativa imprenditoriale.

2 Commenti

  1. è la prima volta che mi collego in questo sito per saperne di più su la circolare di Equitalia …grazie e continua a informarci …..questo stop non è una legge dello stato è una regola che si è data Azienda Equitalia…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *