Italia

Passaporto: raddoppia la tassa per il rilascio

Per il rilascio del nuovo documento si dovranno sborsare 73,50 euro a titolo di contributo amministrativo. Il contributo è pressoché raddoppiato con l'ultimo emendamento al D.L. Irpef
Per il rilascio del nuovo passaporto si dovranno sborsare 73,50 euro a titolo di contributo amministrativo. Il contributo è pressoché raddoppiato (dai precedenti 42,50 euro) con l’ultimo emendamento al D.L. Irpef

Un emendamento al decreto Irpef fa scattare il raddoppio della tassa per il rilascio del passaporto ma cancella il “bollo” annuale, peraltro dovuto solo nei viaggi extraeuropei.

Da oramai qualche anno il passaporto elettronico è diventato necessario se non addirittura obbligatorio per viaggiare liberamente in tutti i Paesi del mondo. I controlli alle frontiere, soprattutto negli aeroporti, sono diventati sempre più severi specialmente (ma non solo) per coloro che vogliono recarsi negli USA dove, per accedere, è necessario essere possessori di passaporto su cui sono state apposte le impronte digitali (se rilasciato dopo il 2009). Ecco dunque le regole fondamentali da seguire per poter richiedere il passaporto elettronico ed usufruire del Visa Waiver Program, ossia la possibilità di entrare negli USA senza richiedere il visto per una permanenza inferiore ai 90 giorni, essendo in possesso del biglietto aereo per il ritorno.

Passaporto, quanto mi costi!
Per il rilascio del nuovo documento si dovranno sborsare 73,50 euro a titolo di contributo amministrativo. Il contributo è pressoché raddoppiato con l’ultimo emendamento al D.L. Irpef (prima era pari a 40,29 euro).
Oltre a questa, il cittadino paga il costo del “libretto”, stabilito e aggiornato ogni due anni dal Mef, e che oggi ammonta a 42,50 euro.
La buona notizia è che non si pagherà più il rinnovo annuale, la tassa di 40,29 euro dovuta per i viaggi extra UE.

Cos’è il passaporto elettronico
Il passaporto elettronico è dotato di particolari caratteristiche di stampa anticontraffazione e di un microchip per la registrazione dei dati personali del titolare del documento certificati elettronicamente.
La procedura prevede due fasi: la prima per l’acquisizione dei dati del titolare e la seconda per la richiesta delle necessarie autorizzazioni alle Autorità, come avviene per i visti d’ingresso nel nostro Paese.

La richiesta
Per richiedere il passaporto è necessario scaricare il modulo dal sito della Polizia di Stato e compilarlo in ogni sua parte.
E’ anche possibile, sempre sul sito della Polizia di Stato, fare richiesta del passaporto online e fissare un appuntamento per la consegna dei documenti, unico modo per evitare prevedibili code allo sportello.

La documentazione necessaria
Al modulo vanno uniti un documento di riconoscimento in corso di validità, due foto formato tessera uguali ed a volto scoperto, un contrassegno telematico di euro 44,66 per il libretto con 32 pagine e di euro 45,62 per quello di 48 (la scelta del numero di pagine è facoltativa).
La documentazione completa può essere consegnata in Questura, al Comune di residenza, negli uffici postali che espongono il marchio ‘Sportello Amico’ oppure all’ufficio passaporti del Commissariato più vicino.

Le impronte digitali
Gli uffici competenti al rilascio dei passaporti, una volta verificata l’identità dell’interessato, acquisiscono l’impronta del dito indice di ciascuna mano dell’intestatario, mediante scansione elettronica.
I minori di 12 anni sono esentanti dalla deposizione delle impronte.

I minori
I genitori di figli minorenni dovranno presentare anche l’atto di assenso dell’altro genitore, siano essi sposati o meno, allegando una fotocopia del documento d’identità del genitore non presente al momento della consegna. L’atto di assenso può essere redatto in carta semplice oppure può essere scaricato dal sito della Polizia di Stato. Da ricordare altresì che chi viaggia con i figli con destinazione Stati Uniti potrà farli entrare nel Paese senza visto solo se essi hanno un passaporto individuale.
Se risultano iscritti nel passaporto dei genitori, bisognerà per forza chiedere un Visto d’ingresso al consolato o all’ambasciata.

I tempi
Per la consegna si attendono circa 30 giorni, ma i tempi tendono ad allungarsi anche sensibilmente con l’avvicinarsi del periodo delle vacanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *