Fisco

Partite Iva, le regole per aderire al nuovo regime forfettario

Partite Iva, le regole per aderire al nuovo regime forfettario
Il nuovo regime prevede una determinazione forfettaria del reddito da assoggettare a imposta sostitutiva di Irpef, addizionali e Irap in misura del 15 per cento. Il reddito si determina moltiplicando i ricavi o compensi percepiti per una percentuale di redditività che rappresenta la forfetizzazione dei costi

Dal 1° gennaio 2015 “spazio” al regime forfettario per le persone fisiche esercenti attività d’impresa o arti e professioni prive di una struttura significativa. Si tratta di un nuovo regime introdotto dalla legge di Stabilità 2015 che prevede una determinazione forfettaria del reddito da assoggettare a imposta sostitutiva di Irpef, addizionali e Irap in misura del 15 per cento. Il reddito si determina moltiplicando i ricavi o compensi percepiti per una percentuale di redditività che rappresenta la forfetizzazione dei costi.

La semplicità di computo del reddito si “accompagna” a una estrema semplificazione degli adempimenti: il soggetto che accede al forfait è esonerato dagli obblighi contabili ai fini Iva (compreso la dichiarazione e la comunicazione annuale) e delle imposte sui redditi, non è soggetto a ritenute, non è sostituto d’imposta, è escluso dall’applicazione dell’Irap e degli studi di settore e parametri. È escluso, altresì, da alcuni obblighi cui si è tenuti ordinariamente: presentazione dello “spesometro” e comunicazione delle operazioni con operatori black list.

In linea generale, il regime forfettario non consente la detrazione dell’Iva e non prevede addebito per rivalsa; ne deriva che il regime appare maggiormente conveniente per i soggetti che operano nei confronti di consumatori finali e con elevato valore aggiunto in quanto a fronte di un’Iva indetraibile non addebitano l’imposta ma probabilmente manterranno invariati i prezzi con un beneficio pari all’Iva che avrebbero addebitato al netto di quella non detratta sugli acquisti.

Per accedere (e permanere) al regime occorre soddisfare quattro condizioni:

  1. i ricavi o compensi non devono superare le soglie previste dalla legge che variano da 15mila a 40mila euro a seconda dell’attività esercitata;
  2. le spese per prestazioni di lavoro non devono superare 5mila euro;
  3. non si deve possedere uno stock di beni mobili strumentali, al lordo egli ammortamenti, superiori a 20mila euro;
  4. i redditi di lavoro dipendente o pensione eventualmente percepiti non devono essere prevalenti rispetto a quelli d’impresa o professionali, a eccezione del caso in cui la somma di tutti non superi 20mila euro. I requisiti di accesso vanno verificati rispetto alla data del 31 dicembre dell’anno precedente; per accedere nel 2015 al regime forfetario occorre quindi riferirsi al 2014.

I soggetti che rispettano le quattro condizioni devono dal 1° gennaio entrare nel regime in quanto è il regime naturale per gli stessi, a meno che siano contribuenti minimi (5% di sostitutiva) che possono continuare a esserlo fino a scadenza naturale del regime. Si può tuttavia scegliere il regime ordinario se lo si valuta più conveniente.

Nell’ambito del regime forfetario è prevista una “agevolazione nell’agevolazione” per le nuove iniziative produttive. Infatti, il reddito determinato forfetariamente da assoggettare al 15% è ridotto di un terzo, per il periodo di inizio dell’attività e per due successivi, laddove una persona fisica intraprenda una nuova iniziativa economica. Per accedere a tale ulteriore agevolazione è necessario, oltre a rispettare i requisiti per l’accesso al forfait, che nei tre anni precedenti non sia stata svolta un’attività, neanche in forma associata o familiare e che la nuova attività non costituisca la mera prosecuzione di un’altra già svolta in passato, anche sotto forma di lavoro dipendente o autonomo.

Il nuovo regime forfetario per le start up sostituisce il regime delle nuove iniziative produttive dell’articolo 13 della legge n. 388/2000. Nel caso in cui il contribuente si sia avvalso per il 2014 di tale ultimo regime, potrà passare, ricorrendone i requisiti, al nuovo regime forfetario per le start up ma solo limitatamente ai periodi imposta che ancora mancano al completamento del triennio.

I nuovi parametri
Il nuovo regime prevede una determinazione forfettaria del reddito da assoggettare a imposta sostitutiva di Irpef, addizionali e Irap in misura del 15 per cento. Il reddito si determina moltiplicando i ricavi o compensi percepiti per una percentuale di redditività che rappresenta la forfetizzazione dei costi

Potrebbe anche interessarti:

Nuovo regime dei minimi: chi apre la partita Iva nel 2015 può aderire con la dichiarazione di inizio attività
Partite IVA, nuovo regime dei minimi al via dal 2015. Come cambiano le agevolazioni
Minimi, nuovo regime su misura
Nuovo regime forfettario: si abbassa il limite dei ricavi
Legge di Stabilità: regime fiscale agevolato per i lavoratori autonomi, contributi fissi per artigiani e commercianti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *