Italia

PA, stabilizzazione dei precari e assunzione dei testimoni di giustizia

PA, stabilizzazione dei precari e assunzione dei testimoni di giustizia
Varato dal Cdm un nuovo pacchetto di norme riguardanti la stabilizzazione dei precari della Pa, l’assunzione diretta nominativa per i testimoni di giustizia e nuovi tagli per auto blu e consulenze

Arriva il pacchetto di misure per la Pa, dalle norme per i precari (con stabilizzazione e futura stretta) all’ulteriore taglio del 20% delle spese per auto blu e consulenze fino all’istituzione dell’Agenzia per la coesione, ed all’assunzione “per chiamata diretta nominativa” per i testimoni di giustizia. Il Consiglio dei ministri di ieri, senza incertezze dovute alle tensioni politiche, ha dato il via libera ai due provvedimenti, un Dl e un Ddl.

E il governo promette un giro di vite a partire dalla lotta al precariato, con “una soluzione strutturale“, come affermato dal premier Enrico Letta, al termine del Cdm, riducendo le forme di lavoro flessibile e mettendo “barriere” per evitare le “scorciatoie per le assunzioni senza concorso in passato fin troppo presenti“.

Non ci saranno “mai più contratti a termine che non siano eccezionali e temporanei“, assicura infatti il ministro della Pa, Gianpiero D’Alia. Intanto si dà il via alla stabilizzazione dei precari ma solo di quelli a tempo determinato: misura ritenuta insufficiente dai sindacati, già pronti alla mobilitazione, che – avvertono – non riuscirà a “salvare” tutti i 150mila in scadenza a fine anno.

LE MISURE IN SINTESI

Testimoni giustizia assunti nella PA
Assunzione “per chiamata diretta nominativa” per i testimoni di giustizia. E secondo il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico (che presiede la Commissione centrale per la definizione e applicazione delle speciali misure di protezione, organismo che ha il compito di definire le speciali misure di protezione per i testimoni e collaboratori di giustizia) la misura riguarderà potenzialmente un’ottantina di persone.

L’obiettivo, spiega Bubbico, “è quello di mettere in campo strumenti di premialità per i testimoni in modo da incoraggiare un atto di responsabile cittadinanza da parte di chi ha potuto assistere a vicende criminose“.

Naturalmente, sottolinea, “la priorità è quella di garantire la sicurezza di queste persone, perché un testimone per fatti di mafia corre rischi. Con questo provvedimento – aggiunge – si estende ai testimoni di giustizia la norma già in vigore per vittime del terrorismo e della criminalità organizzata che prevede un percorso preferenziale per l’assegnazione di un posto di lavoro nella Pubblica amministrazione“. I testimoni di giustizia, ricorda il viceministro, “sono costretti a lasciare il luogo dove vivono e lavorano, ad abbandonare le attività economiche, a subire il trauma dello sradicamento e dunque è giusto sostenerli con un’opportunità occupazionale che consenta loro di ricostruire un proprio profilo professionale superando la precarietà in cui spesso sono costretti a vivere“. Sarà successivamente un decreto del ministero dell’Interno a stabilire le modalità di attuazione del provvedimento.

Salva-precari, riserva 50% concorsi

È prevista una riserva del 50% dei posti a concorso, fino al 2015, per chi ha avuto un contratto di lavoro a termine per tre anni negli ultimi cinque. Chance che, secondo i sindacati, comunque non consentirà la stabilizzazione neppure di tutti i 90 mila contratti a tempo determinato. Serve “una soluzione complessiva“, dice la Cgil. Fino al completamento delle procedure concorsuali (non oltre il 2015) sarà possibile prorogare i contratti.

In arrivo 35mila posti in sanità
Tra medici, personale infermieristico e tecnici sarà possibile stabilizzare circa 35.000 persone del settore sanitario attraverso procedure concorsuali specifiche, come spiegato dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

Al via stretta flessibilità
Nel decreto si limita il ricorso al lavoro flessibile circoscrivendolo a “esigenze di carattere esclusivamente temporaneo o eccezionale“.

Assunzione vincitori concorso
Prevista anche una norma che “obbliga ad assumere tutti i vincitori di concorso“, sottolinea D’Alia. E “in parte questo riguarderà anche gli idonei, ma solo per le graduatorie più recenti“. Prorogate al 2015 le attuali graduatorie.

Per esuberi proroga al 2015 regole pensioni pre-fornero
Per la gestione degli esuberi (7-8 mila quelli ad oggi rilevati nelle amministrazioni centrali), viene prorogata la possibilità di andare in pensione con le regole antecedenti la riforma Fornero, portando da fine 2014 a fine 2015 il limite per il raggiungimento dei requisiti.

Mobilità per partecipate
Si punta alla mobilità per le società partecipate dal pubblico ma non quotate, da attivare tra società diverse, anche di diverse regioni. Per le amministrazioni prevista anche la mobilità per coprire le “gravi carenze di personale” degli uffici giudiziari.

Nuovo taglio 20% per auto blu e consulenze
Per auto di servizio e consulenze dal 2014, nelle amministrazioni pubbliche e per le Authority, scatta un tetto di spesa pari all’80% dei costi sostenuti nel 2012, ed è prorogato a fine 2015 il blocco di acquisto o leasing di autovetture.

Agenzia per la coesione
Arriva la nuova Agenzia, fortemente voluta dal sottosegretario alla presidenza, Filippo Patroni Griffi, per “rafforzare l’azione di programmazione, coordinamento, sorveglianza e sostegno della politica di coesione“. Non si tratta, ha sottolineato il ministro Carlo Trigilia, di “neocentralismo”, ma di una gestione migliore dei Fondi strutturali Ue che per il ciclo 2014-2020 ammontano a 30 miliardi. Un modo per utilizzare tutte le risorse a disposizione, come sottolineato da Letta. Domani mattina è prevista una riunione operativa.

Arrivano 1.000 vigili del fuoco
In arrivo 1.000 assunzioni, con una dotazione di circa 75 milioni di euro tra 2013-2015.

Sistri e Ilva
Semplificazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (che riguarderà principalmente i rifiuti pericolosi). Presenti anche alcune norme di dettaglio sull’Ilva, dalla gestione dei rifiuti alle forniture.

Il comunicato di Palazzo Chigi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *