Diritto

Omesso versamento assegno divorzile: l’ex coniuge può rifarsi sul datore di lavoro

Cosa accade se l’ex coniuge, onerato del pagamento a controparte di somma periodica a titolo di assegno divorzile, omette tale versamento? L’art. 8 della legge sul divorzio (legge n. 898/1970) prevede che, in questo caso, il pagamento sia effettuato direttamente dal datore di lavoro – o da altro soggetto assimilato – del debitore, a condizione che quest’ultimo (messo in mora nelle forme di legge) rimanga inadempiente per almeno trenta giorni.

Occorre altresì che la parte interessata notifichi al terzo, datore di lavoro, il provvedimento giudiziale statuente l’obbligo di versamento periodico, unitamente all’invito a versare direttamente il dovuto al creditore.

Nel caso di specie è stata proposta opposizione agli atti esecutivi, rigettata sia in primo grado, poiché secondo il giudice del merito sarebbe mancata l’apposizione della formula esecutiva, oltre che sulla sentenza notificata al terzo, sugli altri atti del procedimento. La Suprema Corte, pronunciandosi in camera di consiglio stante la manifesta fondatezza della questione, con l’ordinanza n. 4535 del 26 Febbraio 2014 ricorda tuttavia come soltanto la sentenza notificata al datore di lavoro debba essere munita di formula esecutiva e non anche a tutti gli altri atti del procedimento. Ciò poiché la legge n. 898/1970 nulla prevede al riguardo; inoltre, la regola generale (contenuta all’art. 475 c.p.c.) enuncia espressamente che la formula esecutiva può essere apposta solo sui provvedimenti giudiziali, sugli atti ricevuti da notaio o da altro pubblico ufficiale.

Corte di Cassazione – Ordinanza N. 4535/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *