Diritto

Omessi versamenti, sanzione doppia

Omessi versamenti, sanzione doppia
I reati di omesso versamento delle ritenute previdenziali e dell’Iva non sono speciali rispetto alle analoghe violazioni tributarie con la conseguenza che, verificandosi il superamento della soglia di punibilità possono applicarsi entrambe le sanzioni

I reati di omesso versamento delle ritenute previdenziali e dell’Iva non sono speciali rispetto alle analoghe violazioni tributarie con la conseguenza che, verificandosi il superamento della soglia di punibilità possono applicarsi entrambe le sanzioni.
Inoltre, per escludere la colpevolezza, il contribuente non può invocare la crisi di liquidità al momento della scadenza del versamento che fa scattare il reato, ma deve dimostrare che la stessa non sia dipesa dalla scelta di non far fronte all’obbligo di versamento.

Sono alcuni degli spunti di maggiore interesse contenuti nelle due sentenze delle Sezioni unite penali (n. 37424 sull’omesso versamento Iva e n. 37425 sulle ritenute) depositate il 12 settembre 2013.

Le Sezioni unite sono state chiamante a risolvere la questione della rilevanza penale degli omessi versamenti alle previste scadenze e superiori a 50mila euro, nelle ipotesi di imposte e ritenute derivanti dalla dichiarazione Iva del 2005 e dal 770 del 2004. Ciò in quanto i due reati sono entrati in vigore l’uno nel 2006 (Iva) e l’altro nel 2005 (ritenute). Le sentenze hanno confermato l’orientamento maggioritario secondo cui le fattispecie penali trovano applicazione anche in tali ipotesi. Questo perché la condotta penalmente sanzionata è l’omesso versamento dell’Iva e delle ritenute previdenziali che scadeva successivamente all’entrata in vigore delle nuove norme ancorché riferita a dichiarazioni presentate prima (2005 e 2004).

Nell’occasione, però, i giudici affrontano alcune questioni molto interessanti tra le quali meritano di essere evidenziate il rapporto tra la sanzione penale e tributaria per le predette violazioni, e l’assenza della colpevolezza in situazioni di crisi di liquidità.

Circa il rapporto tra le due sanzioni, i giudici ritengono che l’articolo 10-bis (reclusione da sei mesi a due anni per chi non versa entro il termine di presentazione del 770 le ritenute risultanti dalla certificazione per un ammontare superiore a 50 mila euro) e 10-ter (stessa sanzione per omesso versamento Iva risultante dalla dichiarazione annuale entro la scadenza dell’acconto dell’anno successivo) non siano speciali rispetto alle sanzioni tributarie analoghe (per l’Iva, ad esempio, la sanzione del 30%). Ciò perché gli elementi costituivi delle violazioni penali e di quelle tributarie sono in parte differenti: ad esempio, presentazione dichiarazione Iva richiesta solo ai fini penali, omesso versamento acconti Iva richiesto solo per la violazione tributaria. Ne consegue che non sussiste un rapporto di specialità ma di progressione illecita che, alla ricorrenza dei previsti presupposti, comporta l’applicabilità di entrambe. Non potrà, quindi, invocarsi la non sanzionabilità ai fini tributari degli omessi versamenti in presenza di condanna penale del medesimo trasgressore a norma dell’articolo 19 del D.lgs 74/2000.

Per quanto concerne invece l’esclusione della colpevolezza, in presenza di crisi di liquidità, la sentenza pare offrire delle interessanti aperture che, ad oggi, erano pervenute solo da alcuni tribunali penali. Viene precisato che non può essere invocata l’assenza di liquidità solo al momento della scadenza penalmente rilevante, se non si dimostra che non è dipesa dalla scelta di non far fronte all’adempimento. Dovrebbe dedursi che, dimostrando la crisi per l’intero periodo antecedente l’omesso versamento (e non solo alla scadenza), nonché le oggettive cause che l’hanno determinata, potrebbe escludersi la colpevolezza. Tale conclusione potrebbe risolvere favorevolmente vari procedimenti penali in cui il contribuente, senza intento fraudolento, ha la sola colpa di trovarsi in crisi finanziaria.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 37424/2013 Corte di Cassazione – Sentenza N. 37425/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *