Diritto

Occultamento di scritture contabili: quando si configura il reato?

Occultamento di scritture contabili: quando si configura il reato?
La Corte di Cassazione ha chiarito a quali condizioni deve essere esclusa la responsabilità penale dell’imprenditore che non esibisca l’attestazione del professionista presso il quale si trovano le scritture contabili

Con la sentenza n. 11479 del 19 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha chiarito a quali condizioni deve essere esclusa la responsabilità penale dell’imprenditore che non esibisca l’attestazione del professionista presso il quale si trovano le scritture contabili.

IL FATTO
Il caso trae origine da una sentenza con cui la Corte di Appello di Trieste, riformando la piena assoluzione decisa dal Tribunale di Pordenone, ha condannato il titolare di una ditta individuale alla pena di sei mesi di reclusione per il reato di “Occultamento o distruzione di documenti contabili” di cui all’art. 10 del D.Lgs. n. 74/2000, commesso nel 2007 e accertato a seguito di verifica fiscale iniziata il 28 maggio 2009, e ha dichiarato non doversi procedere nei suoi confronti per i medesimi fatti commessi negli anni dal 2001 al 2005 per sopraggiunta prescrizione.

In particolare, la Corte di Appello ha ritenuta fondata l’accusa mossa nei confronti dell’imputato secondo la quale, questi, nella sua qualità di titolare dell’omonima ditta individuale ed al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto, aveva distrutto le scritture contabili e i documenti, di cui era obbligatoria la conservazione, relativi agli anni 2001-2005 e 2007 (avendo invece conservato quella relativa al 2006).

Il giudice di prime cure aveva invece assolto il titolare per non aver commesso il fatto, sul rilievo che, in base alle prove testimoniali raccolte, doveva ritenersi veritiera la tesi difensiva che le scritture contabili relative alle annualità sopra indicate fossero all’epoca effettivamente detenute dal commercialista di fiducia che, tuttavia, nulla aveva consegnato alla Guardia di Finanza che si era recata da lui su indicazione dell’imputato.

Tale tesi, aveva affermato il Tribunale, traeva alimento dalle precise dichiarazioni dei testimoni che nel tempo avevano avuto rapporti diretti con il commercialista dell’imputato per gli aspetti contabili connessi alle prestazioni eseguite dalla sua impresa. Il particolare rapporto di fiducia e complicità che legava i due era confermato, secondo il Tribunale, dalla circostanza che il commercialista era stato anche il ricettatore degli oggetti d’arte e di elettronica trafugati dall’imputato nel corso di furti e rapine, come affermato da quest’ultimo in sede di interrogatorio reso in ambito di separato procedimento.

La Corte di Appello, sulla premessa della effettiva sussistenza del reato, è pervenuta all’opposta conclusione in ordine alla responsabilità dell’imputato sulla base dei seguenti rilievi e considerazioni:

  • l’imputato era evasore totale per gli anni di imposta dal 2001 al 2005 e per il 2007;
  • non v’è agli atti la prova di alcuna delega scritta a favore del commercialista;
  • il diverso assunto si fonda solo su prove testimoniali, peraltro nemmeno correttamente valutate dal giudice di prime cure;
  • infatti, il testimone, legale rappresentante di una S.r.l., società committente di lavori subappaltati all’imputato, aveva riferito di non sapere se il commercialista dell’imputato fosse il tenutario della contabilità;
  • il fax inviato dal commercialista alla Camera di Commercio, contenente il riepilogo delle operazioni commerciali da lui stesso intrattenute con l’imputato nell’anno 2004, non prova l’esistenza della delega;
  • non è inoltre credibile che il commercialista possa aver distrutto la documentazione contabile dopo aver appreso che l’imputato lo aveva denunziato come ricettatore della merce rubata, ciò sul rilievo che nel 2007 quello stesso commercialista aveva avuto rapporti con le imprese individuali risultanti dagli accertamenti incrociati della Guardia di Finanza;
  • nel dubbio circa la condotta di soppressione ovvero di occultamento (contestate alternativamente), si deve privilegiare l’ipotesi più favorevole all’imputato (soppressione), sicché devono ritenersi prescritti i reati aventi ad oggetto la contabilità relativa agli anni dal 2001 al 2005.

Nel ricorso per cassazione, l’imputato censura la decisione della Corte territoriale per avere eluso l’obbligo che incombe sulla medesima di fornire, in caso di riforma totale dell’assoluzione disposta in primo grado, non una pura e semplice lettura alternativa del medesimo materiale probatorio, ma una motivazione ben più stringente che si confronti in modo specifico e completo con le ragioni della assoluzione e ne evidenzi eventuali carenze ed insufficienze.
Il giudice di prime cure, prosegue, aveva fondato la propria decisione sulla scorta di più testimonianze che provavano chiaramente che il commercialista era delegato alla tenuta della contabilità; tali prove erano corroborate, sul piano logico, dalla non irragionevole considerazione che questi, dopo la denunzia dell’imputato, potesse aver distrutto ogni prova documentale dei suoi effettivi rapporti con lui.
Di tali prove, la Corte di Appello ha ritenuto di selezionarne solo una, omettendo di considerare le altre e superando la considerazione logica circa il movente della distruzione della documentazione semplicemente valutandola come non credibile.

LA DECISIONE DELLA CORTE DI CASSAZIONE
La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato dall’imputato. Sul punto, costituisce insegnamento costante della Suprema Corte che la decisione del giudice di appello, che comporti la totale riforma della sentenza di primo grado, impone la dimostrazione dell’incompletezza o della non correttezza ovvero dell’incoerenza delle relative argomentazioni con rigorosa e penetrante analisi critica seguita da corretta, completa e convincente motivazione che, sovrapponendosi a tutto campo a quella del primo giudice, senza lasciare spazio alcuno, dia ragione delle scelte operate e del privilegio accordato ad elementi di prova diversi o diversamente valutati. La possibile spiegazione alternativa di un fatto non attiene al mero possibilismo, come tale esercitazione astratta del ragionamento disancorata dalla realtà processuale, ma a specifici dati fattuali che rendano verosimile la conclusione di un “iter” logico cui si perviene senza affermazioni apodittiche.

Il giudice di appello che riformi totalmente la decisione di primo grado ha dunque l’obbligo di delineare le linee portanti del proprio, alternativo, ragionamento probatorio e di confutare specificamente i più rilevanti argomenti della motivazione della prima sentenza, dando conto delle ragioni della relativa incompletezza o incoerenza, tali da giustificare la riforma del provvedimento impugnato e la insostenibilità sul piano logico e giuridico degli argomenti più rilevanti ivi contenuti.

In ultima analisi, ove riformi totalmente la sentenza di primo grado, sostituendo all’assoluzione l’affermazione di colpevolezza dell’imputato, il giudice dell’appello ha l’obbligo di dimostrarne con rigorosa analisi critica l’incompletezza o l’incoerenza, non essendo altrimenti razionalmente giustificato il rovesciamento della statuizione assolutoria in quella di condanna.

Nel caso di specie – prosegue la Suprema Corte – il disinteresse che la Corte di Appello afferma esser stato mostrato dall’imputato alle sorti della documentazione contabile, comunque consegnata al commercialista (e dunque non distrutta, né occultata materialmente), prelude, semmai, a un rimprovero per un atteggiamento psicologico di natura colposa che, di per sé, non può contraddittoriamente fondare una condanna per un delitto a connotazione specificamente dolosa, all’imputato attribuito come autore diretto e non come concorrente.

Sotto altro profilo, se è vero che il contribuente che dichiari che le scritture contabili si trovano presso altri soggetti deve esibire l’attestazione dei soggetti stessi recante la specificazione delle scritture contabili in loro possesso, è altrettanto vero, però, che la mancata esibizione dell’attestazione o il rifiuto del soggetto terzo all’esibizione delle scritture stesse o la sua opposizione all’accesso degli organi accertatori, comportano come unica conseguenza legalmente prevista che i libri, i registri, le scritture e i documenti contabili non possono essere più presi in considerazione a favore del contribuente (art. 52, commi 5 e 10, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633).

Ciò non vuol dire che la mancata esibizione della attestazione si trasforma automaticamente in una mancanza di prova della tenuta delle scritture da parte del terzo; certamente ciò non può accadere nel processo penale che non tollera prove legali, nel quale la ricostruzione del fatto storico che integra la fattispecie di reato si alimenta del principio del libero convincimento del giudice e non soffre i limiti probatori eventualmente previsti per l’accertamento dei medesimi fatti ad altri fini.

Legittimamente, dunque, il giudice penale può, pur in assenza di prove documentali, ricavare il convincimento della effettiva tenuta della contabilità da parte di terzi da prove, anche dichiarative, ulteriori e diverse dalla attestazione di cui all’art. 53 del D.P.R. n. 633 del 1972.
Che è esattamente quel che aveva fatto il giudice di primo grado che aveva tratto il convincimento della effettiva tenuta della contabilità da parte del commercialista da una testimonianza del tutto negletta dalla Corte di Appello.

Ne consegue l’annullamento della sentenza impugnata.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 11479/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *