Diritto

Obbligo contributivo: l’onere della prova incombe sull’INPS

Obbligo contributivo: l'onere della prova incombe sull'INPS
Spetta agli enti previdenziali provare la fondatezza delle proprie pretese contributive

Spetta agli enti previdenziali provare la fondatezza delle proprie pretese contributive. Anche il tribunale di Milano dice stop agli «inseguimenti» e alle prove diaboliche. E, soprattutto, alle «inversioni» dell’onere di provare le proprie ragioni per coloro che si vogliono difendere da indebite pretese, a titolo di contributi e premi.

In tale senso, infatti, come conferma anche il giudice del lavoro del capoluogo lombardo (sentenza n. 545 del 26 febbraio 2015), si sta affermando un più favorevole orientamento giurisprudenziale. Per cui aziende e datori di lavoro che intendono prevenire le azioni esecutive degli Istituti, anticipando i giudizi con proprie azioni di accertamento, non saranno più costretti a fornire dimostrazioni sovente molto più che complesse. Spetterà piuttosto a INPS, INAIL e agli altri enti pubblici dare dimostrazione del diritto sottostante alle proprie richieste economiche.

Un revirement storico che, dopo avere conquistato i giudici di legittimità (cfr. Cassazione n. 14965/2012), si sta ora consolidando presso quelli di merito. Come nel caso della decisione milanese sopraddetta. La quale costituisce l’esito di un giudizio che il titolare di un pubblico esercizio era stato costretto a promuovere per difendersi dalle «illazioni» degli ispettori di un Istituto. I funzionari avevano visto nell’attività di lavoro svolta dalla sua compagna, un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato. Il tutto, però, senza alcuna prova di gerarchie, modalità di lavoro, orari, né di altri indizi sintomatici di eterodirezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *