Lavoro

Modalità di rilascio della Certificazione Unica 2015 per i pensionati residenti all’estero

Modalità di rilascio della Certificazione Unica 2015 per i pensionati residenti all’estero
L’Inps detta istruzioni in merito alle modalità di rilascio della Certificazione Unica 2015 per i pensionati residenti all’estero

Con il messaggio n. 3452 del 21 maggio 2015, l’Inps detta istruzioni in merito alle modalità di rilascio della Certificazione Unica 2015 per i pensionati residenti all’estero.

In particolare, gli utenti in possesso di PIN possono scaricare e stampare la Certificazione Unica 2015 dal sito www.inps.it ed agli utenti in possesso di un indirizzo di posta elettronica CEC_PAC, noto all’Istituto, la Certificazione Unica 2015 viene comunque recapitata alla casella PEC corrispondente.

In ogni caso è possibile richiedere la trasmissione telematica della Certificazione Unica da parte di titolari di indirizzo di posta elettronica certificata mediante una richiesta, corredata di copia del documento di identità del richiedente, alla casella richiestaCertificazioneUnica@postacert.inps.gov.it.
È anche possibile richiedere il modello di Certificazione Unica tramite posta elettronica semplice, allegando alla comunicazione un’istanza scannerizzata in cui va indicato anche il numero di certificato della pensione presente nel cedolino, oltre alla copia del documento di identità.

Ancora, l’utente residente all’estero, per l’acquisizione della Certificazione Unica 2015, può avvalersi di un ente di Patronato (la rete dei patronati italiani all’estero, circa 700 sportelli nei Paesi in cui è più consistente la presenza di pensionati Inps, copre circa il 70% dei pensionati all’estero). Ovviamente la visualizzazione della Certificazione Unica 2015 da parte degli intermediari è subordinata all’acquisizione di una specifica delega o mandato di assistenza.

Infine, i pensionati residenti all’estero possono richiedere la certificazione, che sarà inviata via posta presso l’indirizzo risultante all’Istituto, fornendo i propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale, ai numeri telefonici elencati all’interno del messaggio.

Inps – Messaggio N. 3452/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *