Italia

Ministero del Lavoro: ecco la top 10 delle professioni più richieste

Ministero del Lavoro: ecco la top 10 delle professioni più richieste
Quali sono state le professioni più richieste nel 2012? Lo rivela il Ministero del Lavoro nel rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2013

Quali sono state le professioni più richieste nel 2012? Lo rivela il Ministero del Lavoro nel rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2013, che segnala i movimenti di rapporti di lavoro in Italia registrati nel corso del precedente anno. Dall’ultima versione del dossier emergono due elementi chiave: il 64% dei contratti firmati è a tempo determinato; i profili ricercati sono sempre meno qualificati. Capita sempre più spesso, infatti, che i giovani omettano dal proprio curriculum diplomi e lauree, abbassando il profilo della candidatura, pur di trovare un lavoro.

1. BRACCIANTI AGRICOLI

In cima alla graduatoria stilata dal Ministero, sia per gli uomini che per le donne, compaiono i braccianti agricoli. Come segnala Coldiretti, “con la crisi è boom di assunzioni in agricoltura che è il settore che fa registrare il più elevato aumento nel numero di lavoratori dipendenti con un incremento record del 3,6 per cento, in netta controtendenza con l’andamento generale che mostra livelli elevati di disoccupazione“.
I contratti firmati riguardano quasi esclusivamente (oltre il 99%) rapporti a tempo determinato.

2. CAMERIERI
Camerieri e professioni assimilate riguardano l’8,1% (441.262 assunzioni) dei contratti per gli uomini e il 9,3% per le donne (476.754 assunzioni).

3. MANOVALI E MAESTRE D’ASILO
Per gli uomini i contratti stipulati a manovali e personale non qualificato dell’edilizia civile si collocano a quota 4,3%, con 217.777 assunzioni. Per le donne, in terza posizione, le professoresse di scuola pre-primaria (7,2%, 371.954 unità).

4. CHEF E INSEGNANTI SCUOLA PRIMARIA
Sempre richiesti anche i cuochi in alberghi e ristoranti (3,9%; 196.870 assunzioni); mentre per i contratti firmati dalle lavoratrici, in quarta posizione troviamo le insegnanti della scuola primaria (6,5%: 336.801).

5. TRASPORTO MERCI E COMMESSE
Facchini ed addetti allo spostamento delle merci (3,3%; 166.366 assunzioni) per gli uomini; commesse addette alla vendita al minuto (5,9%; 302.940), le donne.

6. CINEMA, TEATRO E LAVORI DI CURA
Firmati contratti (oltre 3 su 4 a tempo determinato) anche a lavoratori con qualifica di registi, direttori artistici, attori, sceneggiatori e scenografi (3,1% con 157.191 assunzioni). Nella posizione corrispondente, alle donne sono state dedicate assunzioni nell’ambito dell’assistenza personale (4,3%, 223.210 contratti).

7. COMMESSI E COLF
Commessi delle vendite al minuto (2,4%; 120.027 assunzioni) gli uomini, e collaboratrici domestiche (3,8%; 197.970) le donne.

8. BARISTI
L’ottava posizione riserva la stessa professione sia agli uomini che alle donne. Baristi e le professioni assimilate al profilo hanno segnato 102.906 assunzioni per gli uomini e 165.599 per le donne (rispettivamente il 2% e il 3,2%).

9. MURATORI E AMMINISTRAZIONE
Muratori in pietra, mattoni e refrattari (1,9%; 97.950), gli uomini; mentre le donne firmano contratti in ambito amministrativo, svolgendo compiti di carattere non direttivo (2,8%; 144.589).

10. AUTISTI E BIDELLE
In ultima posizione troviamo i contratti rivolti ad autisti di taxi e altri veicoli (1,8%; 89.617) per gli uomini e le assunzioni di collaboratrici scolastiche (2,4%; 124.231) per le donne.

RIASSUNTO GRAFICO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *