Fisco

Mediazione tributaria sottoposta al vaglio della Corte Costituzionale

Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Mediazione tributaria sottoposta al vaglio dell..." Adesso
La Ctp di Perugia con ordinanza datata 18 febbraio 2013 sottopone al vaglio della Corte Costituzionale la legittimità della mediazione tributaria, ritenuta illegittima sotto ben 4 profili
La Ctp di Perugia con ordinanza datata 18 febbraio 2013 sottopone al vaglio della Corte Costituzionale la legittimità della mediazione tributaria, ritenuta illegittima sotto ben 4 profili

Mancanza di un organo terzo, limitazione del diritto di difesa e discriminazione per l’applicabilità solo alle contestazioni dell’Agenzia delle Entrate (tra l’altro fino alla soglia di 20mila euro). Sono i quattro motivi che hanno spinto i giudici della Commissione tributaria provinciale di Perugia a emettere un’ordinanza di rinvio della mediazione fiscale alla Corte costituzionale.

Toccherà ora alla Consulta, quindi, decidere sulla legittimità della procedura obbligatoria, che nei primi otto mesi di vita ha permesso di evitare già 12mila liti (circa il 50% di quelle esaminate).

L’ordinanza del collegio perugino intravede conflitti con ben tre articoli della Costituzione e rimarca un utilizzo dell’istituto «in modo erroneo e illogico».
Il primo problema è che l’organo chiamato a decidere fa comunque parte della stessa amministrazione, mentre «deve essere estraneo alle parti – spiega il provvedimento -: in sostanza non può essere mediatore una delle parti, anche se costituito in ufficio autonomo».

L’altra questione rilevante è che l’obbligatorietà dell’iter finisce per comprimere il diritto di difesa del contribuente, che può rivolgersi al giudice solo dopo 90 giorni. Una tempistica non sincronizzata – come fa notare la Ctp alla Corte costituzionale – con i nuovi accertamenti, che diventano titoli esecutivi dopo 60 giorni dal mancato pagamento.

Gli altri due effetti distorsivi sono connessi all’ambito di applicazione. La limitazione alle sole pretese avanzate all’Agenzia delle Entrate fa sì che i destinatari di contestazioni da altri enti finiscano con l’«avere una maggiore tutela giuridica». Così come quelli a cui le Entrate contestano una presunta evasione oltre i 20mila euro: possono rivolgersi direttamente alla giustizia tributaria e sfruttare la chance della sospensiva degli effetti dell’accertamento.

Ordinanza di rinvio alla Consulta
Like
Love
Haha
Wow
Sad
Angry
Hai lasciato una reazione al post "Mediazione tributaria sottoposta al vaglio dell..." Adesso
Print Friendly, PDF & Email
Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close