Italia

Marchionne scrive agli operai di Mirafiori: vi chiedo di tener fede agli impegni presi

«Ci sono momenti importanti nella vita di un’azienda e delle sue persone. Sono momenti in cui é necessario prendere decisioni coraggiose, nonostante la prudenza e la razionalità suggeriscano di aspettare. Oggi è uno di quei momenti. La Fiat ha deciso di proseguire nel programma di investimenti in Italia, malgrado le precarie condizioni del contesto economico e politico in cui ci troviamo ad operare». Comincia così la lettera che oggi l’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne ha inviato ai dipendenti di Mirafiori, per annunciare i nuovi investimenti nello stabilimento torinese.

Tenere fede agli impegni presi nel contratto. Nella sua lettera Marchionne ribadisce l’importanza del contratto siglato con tutti i sindacati tranne la Fiom. «Il contratto collettivo di lavoro Fiat, sottoscritto dalla maggioranza delle organizzazioni sindacali che vi rappresentano, e i referendum con cui avete scelto di condividere i nostri progetti di rilancio e andare verso un futuro di modernità ed eccellenza, sono le uniche cose che ci servono ora», sottolinea Marchionne.

«L’unica cosa che vi chiedo – aggiunge il top manager – è di continuare a tenere fede agli impegni presi nel contratto, nonostante la mancanza di certezze normative che si è creata a seguito della recente pronuncia della Consulta. Abbiamo invocato a lungo quelle certezze, ma ci siamo resi conto che purtroppo non sembrano destinate ad arrivare in tempi brevi. Noi non possiamo più permetterci di aspettare – dice ancora Marchionne – e non potete farlo neppure voi. Vivere nell’incertezza non è piacevole e sappiamo che state ancora passando momenti difficili. Con gli investimenti che avvieremo da subito intendiamo cambiare tutto questo. Questo è il messaggio principale che voglio lasciarvi: abbiate fiducia in voi stessi, l’uno nell’altro e nel progetto che stiamo realizzando».

La lettera di Marchionne agli operai di Mirafiori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *