Diritto

Lo Statuto del contribuente non prevale sulla legge ordinaria

Le norme dello Statuto dei diritti del contribuente non hanno rango superiore alla legge ordinaria e non possono fungere, pertanto, da norme parametro di costituzionalità, né consentire la disapplicazione della norma tributaria in asserito contrasto con le stesse.

Lo ha ribadito la Corte di Cassazione nella sentenza n. 25684 del 15 novembre 2013, con la quale è stato rigettato il ricorso di una S.r.l. destinataria di un avviso di recupero del credito d’imposta per investimenti nelle aree svantaggiate, a motivo della omessa trasmissione del modello CVS, che aveva comportato la decadenza dal beneficio.

In particolare, la società censurava la sentenza della CTR (che confermava la validità dell’avviso di recupero) per aver disconosciuto il credito d’imposta sulla base del solo omesso invio del modello e denunciava anche la contrarietà della disciplina concernente il credito d’imposta in parola (si tratta dell’art. 8, legge n. 388/2000 e dell’art. 62, legge n. 289/2002) ai principi stabiliti dallo Statuto del contribuente, il cui rango – nella gerarchia delle fonti – consentirebbe, a parere della ricorrente, la disapplicazione delle norme con esso contrastanti.

Secondo la sezione tributaria della Corte di Cassazione, il ricorso è manifestamente infondato: le norme dello Statuto dei diritti del contribuente (legge n. 212/2000) – qualificate espressamente come principi generali dell’ordinamento tributario – sono, in alcuni casi, idonee a prescrivere specifici obblighi a carico dell’Amministrazione finanziaria e costituiscono, in quanto espressione di principi già immanenti nell’ordinamento, criteri di guida per il giudice nell’interpretazione delle norme tributarie (anche anteriori), ma non hanno rango superiore alla legge ordinaria.

Ne consegue che non possono fungere da norme parametro di costituzionalità, né consentire la disapplicazione della norma tributaria in asserito contrasto con le stesse.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 25684/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *