Lavoro

Licenziamento: conciliazione valida anche se con vizio di procedura

La conciliazione mantiene la sua validità anche in presenza di vizi procedurali. E’ quanto ha chiarito il Ministero del Lavoro in risposta ad un interpello avanzato da Confindustria.

Il caso sottoposto all’esame del Ministero del Lavoro riguarda la validità di una conciliazione, conclusa in sede sindacale, nella quale il lavoratore rinunci al diritto ad impugnare il licenziamento anche in presenza di vizi nella procedura.

Come si legge nell’interpello n. 1 del 22 gennaio 2014, l’introduzione della procedura conciliativa di cui all’art. 7 della legge n. 604/1966 lascia inalterata la disciplina e gli effetti di cui all’art. 2113 codice civile che dispone, con riferimento all’ultimo comma, un’eccezione alla previsione di invalidità delle rinunce e delle transazioni laddove le stesse siano realizzate attraverso la conclusione di un atto negoziale che, secondo i chiarimenti della giurisprudenza, sia riferibile a diritti compresi nella sfera di disponibilità giuridica del lavoratore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *