Diritto

Licenziabile l’extracomunitario col permesso scaduto

Legittimo il licenziamento dell’extracomunitario che lascia scadere il permesso di soggiorno limitandosi a portare al datore solo la copia della domanda di rinnovo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 18627/2013.

Secondo i giudici, infatti, la fattispecie di reato “contemplava il caso del lavoratore il cui permesso sia scaduto e del quale non sia stato chiesto, nei termini di legge, il rinnovo; ne consegue che la mera presentazione dell’istanza di rinnovo del permesso di soggiorno da parte del lavoratore non concretizza, di per sé, una situazione legittimante la conservazione del posto di lavoro, essendo invece prescritto che il rinnovo del permesso scaduto sia stato richiesto nei termini di legge”.

Dal che discende che – prosegue la sentenza -, per sostenere la censura svolta, il ricorrente avrebbe dovuto allegare che la richiesta di rinnovo era avvenuta nei termini di legge e, conseguentemente, in ossequio al principio di autosufficienza del ricorso per cassazione, riportare nel ricorso stesso il contenuto del precedente permesso (o rinnovo del medesimo), onde consentire alla Corte di verificare la sua scadenza e, quindi, l’avvenuta osservanza dei termini per la presentazione dell’istanza di rinnovo”.

Corte di Cassazione – Sentenza N. 18627/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *