ItaliaLavoro

Lavoro nero, boom tra disoccupati, pensionati e cassaintegrati. Primato alla Calabria

Lavoro nero, boom tra disoccupati, pensionati e cassaintegrati. Primato alla Calabria
Sono per lo più disoccupati, cassaintegrati e comunque chi, complice la crisi, non arriva a fine mese: questo il profilo dei lavoratori in nero tracciato dalla CGIA di Mestre

Lavoro nero ai massimi storici soprattutto in Calabria, con effetti devastanti per l’evasione fiscale.

A rivelarlo un’indagine della CGIA di Mestre che mette in luce una massiccia presenza di lavoratori in nero nel nostro Paese e spiega le cause del fenomeno in forte crescita specie al Sud.

disoccupazione e crisi economica aumentano il lavoro in nero. In un momento storico caratterizzato da una grave crisi economica e una disoccupazione crescente, specie fra i giovani che risentono più di tutti la congiuntura economica creatasi, trovare lavoro diventa un miraggio. Uno degli obiettivi che si sono sempre posti i Governi succedutesi è stato quello di diminuire il cuneo fiscale, ossia il peso del costo del lavoro nel nostro Paese che ha raggiunto livelli altissimi, rispetto alla media europea. Non è una giustificazione ovvio, ma forse potrebbe essere la causa, il fattore scatenante del massiccio ricorso ai lavoratori in nero. Il lavoro nero è una piaga sociale di estrema rilevanza, emblema di tempi non certo felici che caratterizzano la nostra società. La Regione d’Italia dove è alta la presenza di lavoratori in nero è la Calabria, a seguire Basilicata e Molise.

Lavoratori in nero: primato alla Calabria. Se sono 3 milioni i lavoratori in nero presenti in Italia, secondo uno studio fatto dalla CGIA di Mestre, questi producono 102,5 miliardi di Pil irregolare all’anno pari al 6,5% del Pil nazionale, mentre l’incidenza del valore aggiunto da lavoro irregolare su quello regolare è pari al 18,6%. In generale è tutto il Sud a soffrire la presenza dell’economia sommersa: quasi la metà (19,2 miliardi su 43,7 miliardi) del gettito potenzialmente evaso è in capo alle regioni del Sud. A guidare la classifica delle regioni più colpite dalla presenza di lavoro nero è la Calabria, con circa il 18,6% del valore aggiunto da lavoro irregolare sul Pil e presenta 181.100 lavoratori in nero che, tradotto in termini fiscali, significano 1.375 euro di imposte evase in capo ad ogni singolo residente della Regione Calabria.

Lo studio della CGIA di Mestre. Unità di lavoro standard, ovvero come se ci fossero 3 milioni di persone che per otto ore al giorno eseguono una attività irregolare. Così identifica i lavoratori in nero l’associazione con sede a Mestre, guidata da Giuseppe Bortolussi. “Si tratta di una piaga che vede coinvolti milioni e milioni di persone: lavoratori dipendenti che fanno il secondo lavoro; cassaintegrati o pensionati che arrotondano le loro magre entrate, disoccupati che in attesa di rientrare ufficialmente nel mercato del lavoro sbarcano il lunario “grazie” ai proventi di una attività irregolare” – dice il presidente.

Lavoro nero: il “paracadute” di chi non arriva a fine mese. “E’ evidente che chi pratica queste attività irregolari” – dice Bortolussi – “fa concorrenza sleale nei confronti degli operatori economici regolari che non possono o non vogliono evadere – si è affrettato a spiegare Bortolussi – “a evadere, ma nel Mezzogiorno possiamo affermare che il sommerso costituisce un vero e proprio ammortizzatore sociale. Sia chiaro, nessuno di noi vuole elogiare il lavoro nero – ha sottolineato – spesso legato a doppio filo con forme inaccettabili di sfruttamento, precarietà e mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro. Tuttavia, quando queste forme di irregolarità non sono legate ad attività riconducibili alle organizzazioni criminali o alle fattispecie appena elencate costituiscono in questi momenti così difficili un paracadute per molti disoccupati o pensionati che non riescono ad arrivare alla fine del mese”, ha concluso Bortolussi.

Potrebbe anche interessarti:

Lavoro in nero: cosa (e quanto) rischia il datore di lavoro
Come denunciare il lavoro in nero: consigli pratici
La maxi sanzione per lavoro nero prevista dal Collegato Lavoro per chi assume in nero
Come il datore di lavoro può evitare la maxisanzione per lavoro nero
Lavoro accessorio: quando scatta la maxi sanzione per lavoro nero
Cassazione: niente attenuanti per il lavoro nero, nemmeno se la prestazione è di carattere occasionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *