Lavoro

Lavoro domestico: in vigore i nuovi minimi retributivi

Lavoro domestico: in vigore i nuovi minimi retributivi
Sottoscritto il 6/2/2014, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali l’accordo per la determinazione dei nuovi minimi retributivi derivanti dalla variazione del costo della vita e da applicare ai lavoratori domestici

Sottoscritto il 6 febbraio 2014, presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, tra FIDALDO, DOMINA, FEDERCOLF e FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS, l’accordo per la determinazione dei nuovi minimi retributivi derivanti dalla variazione del costo della vita e da applicare ai lavoratori domestici, secondo quanto previsto dall’art. 37 del CCNL 16/7/2013.

Il CCNL del Lavoro Domestico 16/7/2013, all’art. 37, stabilisce che le retribuzioni minime contrattuali e i valori convenzionali del vitto e dell’alloggio, sono variati, da parte della Commissione nazionale per l’aggiornamento retributivo secondo le variazioni del costo della vita per le famiglie di impiegati ed operai rilevate dall’ISTAT al 30 novembre di ogni anno.
Inoltre nei Chiarimenti a Verbale in calce al suddetto CCNL di settore, le parti prevedono l’aggiornamento degli attuali minimi retributivi in misura di euro 7,00 con decorrenza dall’1/1/2014, per i lavoratori conviventi inquadrati nel livello BS della tabella A, ed in misura proporzionale per gli altri livelli/tabelle. Di conseguenza l’aggiornamento retributivo di cui all’art. 37 del CCNL in esame, deve essere effettuato sui minimi retributivi comprensivi degli aumenti pattuiti, come da accordo.

Pertanto, in applicazione di tali disposizioni contrattuali, la Commissione ha aggiornato, con decorrenza 1/1/2014, le tabelle A, B, C, D, F e G, del CCNL, comprensive dei valori convenzionali di vitto e alloggio sulla base dei dati ISTAT rilevati a novembre 2013 (0,6%), secondo il seguente prospetto.

TABELLA A – Lavoratori conviventi

Livelli Valori mensili Indennità
A 614,86
AS 726,66
B 782,55
BS 838,45
C 894,36
CS 950,25
D 1.117,93 165,31
DS 1.173,83 165,31

TABELLA B – Lavoratori di cui art. 15 – 2° co.

Livelli Valori mensili
B 558,97
BS 586,91
C 648,39

Si tratta di lavoratori conviventi inquadrati nei livelli C, B e B super, nonché di studenti di età compresa fra i 16 e i 40 anni frequentanti corsi di studio al termine dei quali viene conseguito un titolo riconosciuto dallo Stato ovvero da Enti pubblici, che possono essere assunti in regime di convivenza anche con orario fino a 30 ore settimanali.

TABELLA C – Lavoratori non conviventi

Livelli Valori orari
A 4,47
AS 5,27
B 5,59
BS 5,93
C 6,26
CS 6,58
D 7,60
DS 7,93

TABELLA D – Assistenza notturna – Valori mensili

Livelli Autosufficienti Non autosufficienti
BS 964,22
CS 1.092,78
DS 1.349,92

TABELLA E – Presenza notturna – Valori mensili

Livello
Liv. unico 645,61

TABELLA F – Indennità vitto e alloggio

Indennità Valori giornalieri
Pranzo e/o colazione 1,88
Cena 1,88
Alloggio 1,63
Totale 5,39

TABELLA G – Casi di copertura

Livelli Valori orari
CS 7,14
DS 8,81

Si tratta dei casi di assistenza a persone non autosufficienti, con prestazioni limitate alla copertura dei giorni di riposo dei lavoratori titolari.

Potrebbe anche interessarti:

Come gestire un lavoratore domestico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *