Lavoro

Lavoro domestico: contributi primo trimestre in scadenza al 10 aprile

Lavoro domestico: contributi primo trimestre in scadenza al 10 aprile
E’ fissata al 10 aprile la scadenza per il pagamento dei contributi dovuti per il personale domestico, relativi al periodo gennaio-marzo 2015

Il 10 aprile 2015 è l’ultimo giorno utile per pagare i contributi dovuti per il personale domestico, relativi al periodo gennaio-marzo 2015. Lo rende noto l’Inps con il messaggio n. 2282 del 1° aprile 2015.

Nel ricordare che è stata confermata anche per il 2015 la minore aliquota contributiva complessiva per effetto della minore aliquota dovuta per l’Assicurazione Sociale per l’Impiego (ASpI) dai datori di lavoro soggetti al contributo per la Cassa Unica Assegni Familiari (CUAF), nel comunicato si riportano le diverse tabelle contributive, una per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato, senza contributo addizionale, e l’altra, per i rapporti di lavoro a tempo determinato, comprensiva del contributo addizionale.

Il pagamento, esso può essere effettuato, a scelta, con uno dei seguenti mezzi:

  • online sul sito Internet www.inps.it, utilizzando la carta di credito attraverso il “Portale dei Pagamenti”;
  • utilizzando il bollettino MAV inviato dall’Inps o generato attraverso il sito Internet www.inps.it, accedendo al Portale dei pagamenti – Lavoratori domestici – Entra nel servizio, pagabile senza commissione presso le banche oppure presso gli uffici postali, con addebito della commissione;
  • chiamando il Contact Center al numero gratuito 803164 per le chiamate da rete fissa e 06164164 da telefono cellulare secondo la tariffazione stabilita dal proprio gestore e utilizzando la carta di credito;
  • rivolgendosi ai soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche”. Il pagamento è disponibile, senza necessità di supporto cartaceo presso le tabaccherie che espongono il logo “Servizi Inps”;
  • presso gli sportelli bancari di Unicredit Spa;
  • tramite il sito Internet del gruppo Unicredit Spa per i clienti titolari del servizio di Banca online;
  • presso tutti gli sportelli di Poste Italiane, con le modalità previste per il circuito “Reti Amiche”.

Potrebbe anche interessarti: Come gestire un lavoratore domestico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *