Lavoro

Lavoro accessorio: ecco i nuovi limiti per i compensi 2014

Lavoro accessorio: ecco i nuovi limiti per i compensi 2014
Con la circolare n. 28 del 26 febbraio 2014 l’Inps ha comunicato i nuovi limiti per lo svolgimento di lavoro occasionale di tipo accessorio

Con la circolare n. 28 del 26 febbraio 2014 l’Inps ha comunicato i nuovi limiti per lo svolgimento di lavoro occasionale di tipo accessorio.

Come noto, infatti, la Riforma del mercato del lavoro (Legge n. 92/2012) ha ridefinito i limiti di applicazione di tale istituto, eliminando l’elenco di attività definite nella Legge Biagi e stabilendo che si ha lavoro accessorio quando un soggetto, nel corso di un anno solare non percepisca compensi economici entro un certo limite, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente. Se i committenti sono imprenditori commerciali o professionisti, per ciascuno di questi opera un limite differente, fermo restando il limite massimo stabilito dalla legge.

Come si legge nella circolare in oggetto, i nuovi importi economici da prendere a riferimento per l’anno 2014, anche al fine delle
verifiche sul loro rispetto a cura dei committenti, come precisato nella circolare n. 176 del 18
dicembre 2013, sono così rideterminati:

  • 5.050 € netti per la totalità dei committenti nel corso di un anno solare,
  • 2.020 € netti in caso di committenti imprenditori commerciali o liberi professionisti nel corso di un anno solare.

I corrispondenti importi lordi, riferiti all’anno solare, sono pari a:

  • 6.740 € per la totalità dei committenti;
  • 2.690 € in caso di committenti imprenditori commerciali o liberi professionisti.
Inps – Circolare N. 28/2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *