Lavoro

Lavoratori marittimi: INAIL competente per la valutazione medico-legale

L’INAIL detta istruzioni operative in merito alla razionalizzazione delle attività di valutazione medico-legale per gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali e la inidoneità temporanea alla navigazione dei lavoratori marittimi

Con la circolare n. 66 del 4 agosto 2015, l’INAIL detta istruzioni operative in merito alla razionalizzazione delle attività di valutazione medico-legale per gli infortuni sul lavoro, le malattie professionali e la inidoneità temporanea alla navigazione dei lavoratori marittimi.

Come noto, le funzioni assistenziali precedentemente svolte dall’ex IPSEMA, dal 31 maggio 2010 sono state trasferite, per legge, all’INAIL.
Di conseguenza, le prestazioni medico-legali finalizzate alla valutazione degli eventi in tema di infortuni sul lavoro e malattie professionali, in relazione sia al riconoscimento dell’evento stesso quale infortunio sul lavoro o malattia professionale sia all’eventuale erogazione di tutte le prestazioni, economiche e non, dovute per legge, riguardanti i lavoratori marittimi già assicurati presso l’ex IPSEMA, devono ritenersi affidati in via esclusiva alla componente sanitaria dell’INAIL, presente in ogni Sede locale e chiamata ad esprimere le proprie valutazioni propedeutiche all’erogazione delle prestazioni di legge.

E’ necessario però, che per garantire agli infortunati sul lavoro e ai tecnopatici, una maggiore tempestività delle prestazioni da parte dell’INAIL, le Regioni stipulino con l’Istituto convenzioni finalizzate a disciplinare l’erogazione, congiuntamente agli accertamenti medico-legali, delle prime cure ambulatoriali necessarie in caso di infortunio sul lavoro e di malattia professionale e a stabilire gli opportuni coordinamenti con le Aziende o Unità sanitarie locali.

Per ottenere la speciale indennità, il marittimo interessato è tenuto ad inviare alla Sede compartimentale competente o, nei casi previsti alla Sede locale competente, apposita domanda accompagnata dal verbale della Commissione attestante lo stato di temporanea inidoneità alla navigazione. Se il parere è positivo, la Sede compartimentale o locale competente, procederà alla erogazione della prestazione economica dovuta, mentre se il parere è negativo respingerà l’istanza emettendo il relativo provvedimento.

Inail – Circolare N. 66/2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *