Lavoro

La contribuzione argentina “Compensa excedente de edad” non può essere totalizzata in Italia

La contribuzione argentina “Compensa excedente de edad” non può essere totalizzata in Italia
La contribuzione argentina (denominata “compensa excedente de edad”) non può essere totalizzata per l’accertamento del diritto alle prestazioni pensionistiche a carico dell’assicurazione italiana. Tali periodi, infatti, tenuto conto della loro natura meramente compensatoria, non possono essere considerati “periodi di assicurazione” ai fini dell’applicazione delle disposizioni in materia di totalizzazione

Con messaggio n. 9133 del 26 novembre 2014 l’Inps, sulla base delle informazioni fornite dalla legge argentina ANSES, fornisce chiarimenti in merito alla contribuzione argentina denominata “Compensa excedente de edad”.
In particolare, tale contribuzione prevede che, nel caso in cui l’assicurato abbia superato l’età anagrafica ma non abbia perfezionato il requisito contributivo minimo richiesto per la pensione di vecchiaia, si riconosca la possibilità di compensare la carenza di contributi con gli anni eccedenti l’età anagrafica minima richiesta. A tale scopo vengono riconosciuti i periodi di contribuzione mancanti in ragione di un anno di servizio ogni due anni di età al fine di compensare la carenza di periodi di contribuzione.
Si tratta di periodi fittizi riportati nell’estratto contributivo senza collocazione temporale, definiti periodi «sin aportes» e, quindi, non collegati allo svolgimento di un’attività lavorativa e non considerati equivalenti ai periodi di assicurazione, in quanto non sono collegati a un evento per cui sia previsto l’accredito di contribuzione figurativa (disoccupazione, malattia, maternità, e così via).
Vista la natura meramente compensatoria, in Italia, i periodi in argomento non possono essere considerati “periodi di assicurazione” ne consegue che non possono essere totalizzati per l’accertamento del diritto alle prestazioni pensionistiche a carico dell’assicurazione italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *